Lo staff del Vivaio ci guida alla scoperta di questi prodotti con informazioni dettagliate e preziosi consigli

Come sappiamo il portinnesto, nato come mezzo di protezione alla fillossera, consente un miglior adattamento della pianta di vite a svariate situazioni pedoclimatiche agendo sulla produttività e sullo sviluppo della stessa. È per questo che la scelta del portinnesto gioca un ruolo molto importante sullo sviluppo vegeto produttivo della pianta così da determinarne anche la qualità dell’uva. Ne abbiamo parlato con lo staff di Vivai Donato:

Quante tipologie di portinnesto esistono?

“La gamma dei portinnesti è ampia, anche se quelli utilizzati nella produzione vivaistica è più ristretta; nulla toglie che, con preventiva prenotazione, anche i portinnesti meno utilizzati o non disponibili dal produttore vengano lavorati”.

Che tipo di portinnesti proponete?

“Disponiamo di diversi tipi di portinnesto, dal 775 PAULSEN, il 779 PAULSEN e il 1103 PAULSEN, passando dal 420 A e il KOBER 5 BB, fino al SO4 e al 110 RICHTEL”.

Come scegliere il portinnesto ideale?

“La scelta del portinnesto giusto è difficile, in genere si procede escludendo quelli che sicuramente sono poco adatti. Fortunatamente le caratteristiche colturali di molte varietà di portinnesti sono molto elastiche ed adattabili, così da mitigare l’eventuale errore di valutazione del viticoltore. Si consiglia quindi di piantare nel vigneto più varietà di portinnesti che inoltre può risultare utile anche enologicamente ottenendo così uve con composizioni più equilibrate rispetto all’acidità, ai livelli di zuccheri, agli aromi ed ai polifenoli”.

Le condizioni dei terreni influenzano la scelta?

“Sì, infatti consigliamo a chi possiede terreni siccitosi di non usare il portinnesto SO4, visto che non ha una buona resistenza, e così di non usare il 420 A per terreni che presentano ristagni idrici. Per chi necessita di portinnesti con vigoria elevata consigliamo il KOBER 5 BB e il 775 PAULSEN con terreni anche a diverso impasto ma non troppo fertili e mediamente calcarei. Anche il 779 PAULSEN è un portinnesto molto vigoroso, rustico e si adatta bene a terreni magri e difficili, con ottima resistenza alla siccità ma più sensibile a terreni calcarei”.

E per le zone più calde?

“Per ambienti caldi e siccitosi consigliamo il 110 RICHTEL, anche se i terreni non devono essere eccessivamente dotati in calcare, ed il 1103 PAULSEN che, a differenza dell’altro, si adatta bene anche ai terreni argilloso – calcarei”.

 

 

VIVAI DONATO:
Via Livornese, 12, 56042
Crespina Lorenzana (PI)
Tel. +39 050 643919
Fax. +39 050 643919
vivaidonato@vivaidonato.it
www.vivaidonatogiardinaggio.com