More

    Trend di rivoluzione: arrivano i cocktail low alcool

    Vino senza solfiti, ma esiste davvero? Le risposte dell’enologo

    Se ne sente parlare sempre più spesso e ha catturato l'attenzione di un numero crescente di produttori, enologi ed esperti del settore. Stiamo parlando del vino senza solfiti.

    Industria 4.0 e vino, come beneficiare del Credito d’Imposta

    ERInformatica presenta il suo pacchetto “chiavi in mano” pensato appositamente per il mondo del vino, per virare verso un’industria 4.0 beneficiando del 50% in credito d’imposta.

    Vino Chianti, che successo: è boom di vendite da inizio 2021

    Il successo del Vino Chianti non si ferma, neanche in questo momento ancora - purtroppo - difficile causa pandemia

    Gin Tonic Day 2021

    Il 9 aprile è il Gin Tonic Day, ecco qualche consiglio per festeggiarlo al meglio!

    Gelate a Montalcino: si accendono i falò

    Come in Borgogna anche a Montalcino si accendono i falò per contrastare le gelate fuori stagione Il freddo è arrivato decisamente fuori stagione; dopo un...

    Healty, Green e low alcool, ecco la nuova tendenza dei cocktail nel mondo della mixology.

    Drink si, ma senza alcool. Quella dei cocktail low alcool rappresenta una nuova tendenza che probabilmente ci accompagnerà per tutto il 2021 e ne abbiamo parlato di recente in un altro articolo sui cocktail più richiesti al mondo secondo il Drink International.

    Ma cosa sono davvero questi drink? Dire che sono dei cocktail solo senz’alcool è davvero riduttivo. I cocktail analcolici che spopolano nelle capitali del bartending come New York e Londra non hanno nulla da invidiare ai classici drink a base di gin, whiskey o rum.

    Il New Trend nella cultura del bere: più spazio alla sperimentazione

    La cultura del bere da evolvendo e secondo i dati emersi da uno dell’Istituto Superiore di Sanità le vendite di alcolici per quanto riguarda il consumo casalingo nell’ultimo anno sono aumentate del 200%. Le abitudini sicuramente sono cambiate, dal fatto di stare più a casa al fatto di avere anche più tempo per se stessi e per ciò che si consuma. Non c’è da trascurare il fatto che i mixology lovers e gli appassionati di settore sono in crescita ed oltre ad avere più consapevolezza della propria salute sono pronti a sperimentare nuove tendenze.

    Cocktail Low Alcool

    Gli ingredienti di base per aperitivi light e drink after-dinner

    Frutta, verdura, foglie di the, sciroppi e infusi e chi ne ha più ne metta. Le alternative sono tante secondo i propri gusti ma la parola d’ordine è low alcool, infatti, la percentuale dei liquori o dei distillati in utilizzo è circa del 21%. Sapori differenti e ingredienti dosati. Un’alternativa perfetta per qualsiasi momento della giornata: dagli happy hour a un post serata senza rischio di hangover.

    Una vera e propria alcool revolution che sta spopolando nel mondo della mixology e che vede l’arte del bartending facile e casalingo d’effetto e al passo con i tempi.

    Related Posts

    Ultimi Articoli

    Buona Pasqua da La Serena, un brindisi alla primavera con i vini della cantina

    Dal Brunello al Rosso di Montalcino, alla Cantina La Serena la Pasqua ha il profumo del buon vino. In attesa della bella stagione. La Pasqua coincide, quest'anno, con i primi...

    Laimburg, vini che invecchiano nella roccia

    La cantina scavata nella roccia porfirica è uno dei fiori all'occhiello di Laimburg, dove vengono conservati e affinati alcuni dei suoi vini. Qui si svolgono anche degustazioni ed eventi istituzionali

    Dl Sostegno: chi ne beneficierà e quali sono i parametri per fare domanda

    Dall'8 Aprile arrivano i fondi del Dl Sostegno Cambiano i parametri di assegnazione nel Dl Sostegno, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 Marzo: punto chiave...