More

    Terra di Lugana. A Le Morette ci si è confrontati su gioventù e longevità dei vini

    Array

    La crescita di Tannico non si ferma: pronto a conquistare il mercato vini francese

    Una crescita esponenziale, quella di Tannico negli ultimi mesi, che va di pari passo con il boom dell'e-commerce del vino '

    Mete enoturismo toscane: Palagetto e i colli senesi del Chianti

    Per chi ama scoprire i luoghi dove nascono i grandi vini italiani, Palagetto, all'ombra delle torri di San Gimignano, è una meta ideale Pochi territori...

    Con Devin il tappo vino del futuro è ecologico

    Devin di Tapì è un tappo vino ottenuto con polimeri di natura vegetale e vinaccia residua dalla produzione, elementi che gli conferiscono la sua...

    Il controllo della temperatura nella fermentazione del vino: le soluzioni di Elmiti

    Elmiti ha portato la sua esperienza nel settore dei riscaldatori elettrici a disposizione del mondo del vino. Perché la fermentazione è un momento importante, che necessita di cure scrupolose

    È Roberto Marcolini il nuovo Presidente del Consorzio Doc Friuli Aquileia

    Novità nel Consorzio Doc Friuli Aquileia, con Roberto Marcolini eletto nuovo presidente.

    Una degustazione di vini bianchi italiani ed esteri per riflettere su quanto questa caratteristica incida sulla capacità del varietale di esprimersi e del tratto minerale di emergere.

    Varietà, longevità e mineralità. Tre voci quanto mai attuali, con l’attenzione sempre crescente per gli autoctoni, la mineralità usata, abusata e messa all’indice e la longevità cui si ricorre in maniera costante quale termine di paragone per la qualità di qualsiasi vino. In merito a quest’ultima, capisco che il fattore invecchiamento sia degno di nota ma ogni tanto si dovrebbe sottolineare anche l’apprezzabilità del prodotto giovane.

    ClFlDbIWEAEGJeyProprio la longevità, o, meglio, le diverse personalità che un vino può sprigionare nel corso degli anni, sono state al centro della degustazione di Lugana tenutasi a Le Morette la scorsa settimana.

    L’azienda veneta che si estende su 32 ettari nella zona fra San Benedetto di Lugana e Sirmione, è guidata da Fabio e Paolo Zenato, figli del fondatore Gino. Obiettivo del’incontro è stato quello di confrontarsi con altri bianchi italiani ed esteri per riflettere proprio di gioventù e longevità, e di come questa incida anche sulla capacità del varietale di esprimersi e del tratto minerale di emergere

    La prima batteria ha puntato su 2015 e 2014 con vini entry level, accessibili alle tasche di tutti – perché andrebbe ribadito che per bere bene non serve (per forza) spendere una fortuna, in questo caso i prezzi si aggirano fra i 5 e i 13 euro in cantina – mentre per la seconda ci si è inoltrati indietro sino al 2010.

    Prima Batteria: bottiglie sicuramente ben fatte a livello tecnico che talvolta non riescono però a farsi portavoce del territorio.

    IG 1a serieFiano di Avellino DOCG 2014 Ciro Picariello

    Al naso Zolfo, gesso, pesca a polpa bianca, in bocca fiore bianco, sambuco, intensità e vena sapida che scorre dall’Irpinia al calice.

    Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. DOC Villa Bianchi 2015 Umani Ronchi

    Fiore bianco dal profumo carico, caprifoglio e zagara, pompelmo, sorso che si espande in bocca, nota morbida bilanciata dalla sapidità.

    23-3118x3872Lugana DOC Mandolara 2015 Le Morette

    Fiore primaverile di campo, fragranza e melone bianco. Sorso intenso e giovanissimo, vena citrica e leggera sapidità.

    Alto Adige Pinot Bianco DOC 2015 Cantina Terlan

    Al naso cera d’api e mela verde, bocca importante e incisiva che punta su una decisa sapidità

    Kremstal Grüner Veltliner Point 2015 Mayr
    Naso delicato, buccia di pera, bocca scorrevole, pulita, lineare.

    Chablis 2014 Daniel Dampt & Fils

    Nocciola tostata, burro, polpa gialla, si apre su un incipit fresco e lì rimane assiso.

    Seconda Batteria: qui il territorio emerge in maniera più netta.

    DSF2055-768x380
    Foto Studio Cru

    Fiano di Avellino DOCG 906 2012 Ciro Picariello 

    Un po’ chiuso, si apre poi rivelando note fumé e bocca di grande soddisfazione, che tuttavia sembra voglia celare ancora un po’ la sua migliore essenza.
    Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. DOC Casal di Serra V.V. 2010 Umani Ronchi 

    Burro fuso, fiore grasso, opulento, giglio, e sorso caldo e sicuro.

    Lugana DOC Benedictus 2010 Le Morette

    Un passo indietro lungo un lustro. Al naso maggiociondolo e caprifoglio, un leggerissimo ricordo di burro fuso, bocca ampia e ancora giovane, notevole freschezza, finale ammandorlato.

    DSF2067-768x512
    Foto Studio Cru

    Alto Adige Terlano Pinot Bianco DOC Vorberg Riserva 2010 Cantina Terlan

    Di sicuro non uno di quei vini che passano inosservati: imponente e possente, sia al naso che in bocca.

    Kamptal Grüner Veltliner Lamm Reserve 2010 Hirsh 

    Selce e polvere al naso, bocca intensa e minerale.

    Chablis Premier Cru Fourchaume 2013 Daniel Dampt & Fils

    Profumi terziari e fiori gialli, fattura opulenta anche in bocca.

    Related Posts

    Ultimi Articoli

    LabelDoo, stampa le tue etichette vino online personalizzate

    Su labeldoo.com puoi configurare le tue etichette vino, scegliendo tra un’ampia gamma di materiali. Richiedi il campionario gratuito!

    Quando anche l’occhio vuole la sua parte!

    Lo Scatolificio Ondulkart grazie all’ utilizzo di macchinari all’avanguardia e di personale qualificato si è specializzata nella realizzazione di stampe anche complesse e di alta definizione.

    Etichette vino personalizzate e sostenibili: la sfida di Tipografia Madonna della Querce

    L’azienda, specializzata nel settore della stampa etichette vino, è certificata FSC e utilizza carta che ne attesta la provenienza da una filiera responsabile