Terra di Lugana. A Le Morette ci si è confrontati su gioventù e longevità dei vini

Terra di Lugana. A Le Morette ci si è confrontati su gioventù e longevità dei vini

Una degustazione di vini bianchi italiani ed esteri per riflettere su quanto questa caratteristica incida sulla capacità del varietale di esprimersi e del tratto minerale di emergere.

Varietà, longevità e mineralità. Tre voci quanto mai attuali, con l’attenzione sempre crescente per gli autoctoni, la mineralità usata, abusata e messa all’indice e la longevità cui si ricorre in maniera costante quale termine di paragone per la qualità di qualsiasi vino. In merito a quest’ultima, capisco che il fattore invecchiamento sia degno di nota ma ogni tanto si dovrebbe sottolineare anche l’apprezzabilità del prodotto giovane.

ClFlDbIWEAEGJeyProprio la longevità, o, meglio, le diverse personalità che un vino può sprigionare nel corso degli anni, sono state al centro della degustazione di Lugana tenutasi a Le Morette la scorsa settimana.

L’azienda veneta che si estende su 32 ettari nella zona fra San Benedetto di Lugana e Sirmione, è guidata da Fabio e Paolo Zenato, figli del fondatore Gino. Obiettivo del’incontro è stato quello di confrontarsi con altri bianchi italiani ed esteri per riflettere proprio di gioventù e longevità, e di come questa incida anche sulla capacità del varietale di esprimersi e del tratto minerale di emergere

La prima batteria ha puntato su 2015 e 2014 con vini entry level, accessibili alle tasche di tutti – perché andrebbe ribadito che per bere bene non serve (per forza) spendere una fortuna, in questo caso i prezzi si aggirano fra i 5 e i 13 euro in cantina – mentre per la seconda ci si è inoltrati indietro sino al 2010.

Prima Batteria: bottiglie sicuramente ben fatte a livello tecnico che talvolta non riescono però a farsi portavoce del territorio.

IG 1a serieFiano di Avellino DOCG 2014 Ciro Picariello

Al naso Zolfo, gesso, pesca a polpa bianca, in bocca fiore bianco, sambuco, intensità e vena sapida che scorre dall’Irpinia al calice.

Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. DOC Villa Bianchi 2015 Umani Ronchi

Fiore bianco dal profumo carico, caprifoglio e zagara, pompelmo, sorso che si espande in bocca, nota morbida bilanciata dalla sapidità.

23-3118x3872Lugana DOC Mandolara 2015 Le Morette

Fiore primaverile di campo, fragranza e melone bianco. Sorso intenso e giovanissimo, vena citrica e leggera sapidità.

Alto Adige Pinot Bianco DOC 2015 Cantina Terlan

Al naso cera d’api e mela verde, bocca importante e incisiva che punta su una decisa sapidità

Kremstal Grüner Veltliner Point 2015 Mayr
Naso delicato, buccia di pera, bocca scorrevole, pulita, lineare.

Chablis 2014 Daniel Dampt & Fils

Nocciola tostata, burro, polpa gialla, si apre su un incipit fresco e lì rimane assiso.

Seconda Batteria: qui il territorio emerge in maniera più netta.

DSF2055-768x380

Foto Studio Cru

Fiano di Avellino DOCG 906 2012 Ciro Picariello 

Un po’ chiuso, si apre poi rivelando note fumé e bocca di grande soddisfazione, che tuttavia sembra voglia celare ancora un po’ la sua migliore essenza.
Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. DOC Casal di Serra V.V. 2010 Umani Ronchi 

Burro fuso, fiore grasso, opulento, giglio, e sorso caldo e sicuro.

Lugana DOC Benedictus 2010 Le Morette

Un passo indietro lungo un lustro. Al naso maggiociondolo e caprifoglio, un leggerissimo ricordo di burro fuso, bocca ampia e ancora giovane, notevole freschezza, finale ammandorlato.

DSF2067-768x512

Foto Studio Cru

Alto Adige Terlano Pinot Bianco DOC Vorberg Riserva 2010 Cantina Terlan

Di sicuro non uno di quei vini che passano inosservati: imponente e possente, sia al naso che in bocca.

Kamptal Grüner Veltliner Lamm Reserve 2010 Hirsh 

Selce e polvere al naso, bocca intensa e minerale.

Chablis Premier Cru Fourchaume 2013 Daniel Dampt & Fils

Profumi terziari e fiori gialli, fattura opulenta anche in bocca.

About The Author

Irene Graziotto

“Battezzata con la grappa” – nasce in veneto – riscopre il vino a Londra grazie alla scrittura. Così decide di affiancare la penna al calice, diventando sommelier. Per la rivista I Grandi Vini cura la sezione tecnica di Vigna e Cantina mentre qui sul sito segue il notiziario e l'export.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai notizie e aggiornamenti sul mondo del vino e non solo


Cliccando su "Iscriviti" accetti di ricevere la nostra newsletter (Leggi informativa). Potrai disiscriverti in ogni momento cliccando sul link presente nella newsletter che ti invieremo

ABBONATI ORA

I Grandi Vini è un bimestrale dedicato alle notizie e novità dal settore vinicolo. Da  più di 10 anni  in prima fila tra le riviste italiane sul vino, I Grandi Vini non è solo una rivista di settore è un progetto editoriale che ha come obiettivo quello di raccontare l’eccellenza, enologica in primis ma anche gastronomica, con sguardo crititco e sempre attento all’attualità, al contesto economico e socio- politico.

Regalati o regala un anno di… Grandi Vini

 

SCOPRI COME

Video Recenti

Loading...

Cos’è WineNetwork?


Un’ampia e moderna rete di servizi  con un unico comune denominatore: il vino.

Da oggi puoi raggiungere il target giusto

Il nostro consulente WineNetwork ti aiuterà a comunicare!

 

SCOPRI COME

Agro Meteo

oggi 16 Jan 19

 

  

  • vento
  •  
  •  
N/A
5 giorni di previsioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
N/A
Settaggi

Unità di temperature

  • Fahrenheit
  • Celsius

Unità di misura vento

  • Miglia
  • Kilometri
  • Metri
X