More

    Big Bench tra i vigneti: Dove sono le Panchine Giganti e come nascono

    Vino senza solfiti, ma esiste davvero? Le risposte dell’enologo

    Se ne sente parlare sempre più spesso e ha catturato l'attenzione di un numero crescente di produttori, enologi ed esperti del settore. Stiamo parlando del vino senza solfiti.

    Industria 4.0 e vino, come beneficiare del Credito d’Imposta

    ERInformatica presenta il suo pacchetto “chiavi in mano” pensato appositamente per il mondo del vino, per virare verso un’industria 4.0 beneficiando del 50% in credito d’imposta.

    Vino Chianti, che successo: è boom di vendite da inizio 2021

    Il successo del Vino Chianti non si ferma, neanche in questo momento ancora - purtroppo - difficile causa pandemia

    Gin Tonic Day 2021

    Il 9 aprile è il Gin Tonic Day, ecco qualche consiglio per festeggiarlo al meglio!

    Gelate a Montalcino: si accendono i falò

    Come in Borgogna anche a Montalcino si accendono i falò per contrastare le gelate fuori stagione Il freddo è arrivato decisamente fuori stagione; dopo un...

    Ammirare il paesaggio seduti in una Panchina Gigante riporta indietro negli anni, a quando eri bambino e tutto sembrava più grande. E’ questo lo scopo degli allestimenti Big Bench che “arredano” tantissimi paesaggi viticoli di particolare bellezza.

    Panchine Giganti dove trovarle? Ad oggi sono 128 installate in tutta Italia (vedi qui la mappa). Un numero considerevole che continua a crescere, sbarcando anche all’estero.

    In Italia la regione con più panchine giganti affacciate sui vigneti è il Piemonte, seguita da Toscana, Liguria, Emilia Romagna, Lombardia e Basilicata. Le Langhe hanno dato il via a questa rete di punti panoramici “oversize” che ha raggiunto ormai le 6 regioni italiane e fatto nascere una associazione no profit (Big Bench Community Project) che cura gli allestimenti e la diffusione del progetto.

    Con l’intento di creare una rete di turismo legato alle Panchine, la community mette a disposizione dei visitatori un Passaporto del viaggiatore. Ogni panchina ha un timbro personalizzato che verrà apposto nel passaporto, così il turista potrà tenere traccia degli allestimenti visitati.

    Per trovare facilmente gli allestimenti, e molte altre mete turistiche, vi segnaliamo questa app per cellulari, consigliata dalla stessa community: Tabui

    Panchine Giganti dove trovarle
    Panchina Gigante nelle Langhe

    Dalla prima panchina ad oggi

    Era il 2010 quando il designer Chris Bangle installò la prima Panchina Gigante nel terreno della Borgata a Clavesana (Cuneo). L’opera, di per se non inedita, fu per la prima volta allestita in un’area accessibile da qualsiasi visitatore ed affacciata sul paesaggio.

    Lo scopo del designer è quello di far sentire il visitatore come un bambino, che seduto in una panchina fuori misura osserva il paesaggio con ammirazione e stupore.

    Le parole di Chris Bangle sono significative e rafforzano il significato dell’esperienza: “È una grande lezione nell’utilizzo dell’innovazione contestuale. Siamo così ossessionati dallo scoprire cose sempre nuove che spesso ci neghiamo l’interessante esperienza di sperimentare cose ben conosciute ma in un contesto diverso”.

    Dopo il successo di questa prima installazione altre panchine sono state costruite, grazie agli sponsor privati ed ai disegni di Chris Bangle donati a titolo gratuito. Unica clausola? Allestire le panchine in punti panoramici e che queste siano accessibili dal visitatore.

    Le Panchine Giganti sono parte del “Big Bench Community Project (BBCP), iniziativa a sostegno delle comunità locali, il turismo e le eccellenze artigiane dei paesi in cui si trovano queste installazioni fuori scala.

    Panchine Giganti dove trovarle
    Vista panoramica delle Langhe

    Come aderire al Big Bench Community Project

    Per aderire al progetto si devono seguire alcuni passaggi, aderire alla Community e rispettare i seguenti punti:

    • L’allestimento deve essere fatto in punto panoramico
    • La panchina può essere costruita da qualunque artigiano ne faccia richiesta, senza l’ausilio di fondi pubblici, ma solo su base volontaria o fondi privati.
    • I colori vengono forniti dall’associazione così che ogni installazione possa essere unica
    • Per ogni panchina ci sarà un timbro che sarà utilizzato per il “Progetto passaporto

    “Speriamo di vedere costruite molte altre Grandi Panchine per farci sentire di nuovo bambini quando ci arrampichiamo su di esse e che nuovi visitatori arrivino in questa zona per godersi la vista spettacolare del paesaggio” Chris Bangle.

    • Panchina Gigante vigneto
    • Bigbench Cantina Aimasso
    • Panchina Gigante neve
    • Panchina Gigante vigneto Diano d'Alba

    Related Posts

    Ultimi Articoli

    Buona Pasqua da La Serena, un brindisi alla primavera con i vini della cantina

    Dal Brunello al Rosso di Montalcino, alla Cantina La Serena la Pasqua ha il profumo del buon vino. In attesa della bella stagione. La Pasqua coincide, quest'anno, con i primi...

    Laimburg, vini che invecchiano nella roccia

    La cantina scavata nella roccia porfirica è uno dei fiori all'occhiello di Laimburg, dove vengono conservati e affinati alcuni dei suoi vini. Qui si svolgono anche degustazioni ed eventi istituzionali

    Dl Sostegno: chi ne beneficierà e quali sono i parametri per fare domanda

    Dall'8 Aprile arrivano i fondi del Dl Sostegno Cambiano i parametri di assegnazione nel Dl Sostegno, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 Marzo: punto chiave...