More

    Osservatorio Etna Doc

    Vino senza solfiti, ma esiste davvero? Le risposte dell’enologo

    Se ne sente parlare sempre più spesso e ha catturato l'attenzione di un numero crescente di produttori, enologi ed esperti del settore. Stiamo parlando del vino senza solfiti.

    Industria 4.0 e vino, come beneficiare del Credito d’Imposta

    ERInformatica presenta il suo pacchetto “chiavi in mano” pensato appositamente per il mondo del vino, per virare verso un’industria 4.0 beneficiando del 50% in credito d’imposta.

    Vino Chianti, che successo: è boom di vendite da inizio 2021

    Il successo del Vino Chianti non si ferma, neanche in questo momento ancora - purtroppo - difficile causa pandemia

    Gin Tonic Day 2021

    Il 9 aprile è il Gin Tonic Day, ecco qualche consiglio per festeggiarlo al meglio!

    Gelate a Montalcino: si accendono i falò

    Come in Borgogna anche a Montalcino si accendono i falò per contrastare le gelate fuori stagione Il freddo è arrivato decisamente fuori stagione; dopo un...

    Il Consorzio Etna Doc inaugura l’Osservatorio di monitoraggio dell’enoturismo

    Consorzio di tutela dei vini Etna Doc, sempre più attento al settore enoturistico, realizza l’Osservatorio per monitorare ed analizzare i flussi turistici sul territorio.

    Nella indagine svolta dal Consorzio si è voluto dare voce alle cantine al fine di avere una panoramica sulle loro offerte enoturistiche.

    Nasce così l’Osservatorio. Un mezzo per raccogliere dati, elaborare statistiche al fine di fornire informazioni aggiornate, fruibili dalle cantine per migliorare le proprie proposte dedicate all’enoturista.

    L’attività di monitoraggio

    Nei mesi scorsi sono state invitate tutte le aziende che producono uve o vini Etna Doc alla compilazione questionario online. Il fine di questa prima analisi è quello di raccogliere dati e dare indicazioni utili per poter migliorare l’organizzazione interna e l’offerta enoturistica. “Uno studio che consentirà col tempo di pianificare razionalmente eventi e offerte enoturistiche sul territorio – sostiene Antonio Benanti, presidente del Consorzio tutela Vini Etna Doc – un vero valore aggiunto per tutta la denominazione”.

    Consorzio di tutela e Strada del vino

    A questo progetto hanno preso parte produttori e vignaioli della denominazione, con le associazioni che sostengono le attività legate al turismo enogastronomico come la Strada del Vino e dei Sapori dell’Etna.

    Già da tempo impegnata nella valorizzazione del territorio, la Strada ha favorito negli anni l’incontro tra domanda ed offerta, elaborando percorsi enogastronomici che si snodano a 360 gradi lungo i pendii dell’Etna e dintorni.

    Il Consorzio sta assumendo un importante ruolo nello sviluppo dell’enoturismo, in una terra che ha visto, negli ultimi anni, un esponenziale incremento di flusso enoturistico.

    Related Posts

    Ultimi Articoli

    Buona Pasqua da La Serena, un brindisi alla primavera con i vini della cantina

    Dal Brunello al Rosso di Montalcino, alla Cantina La Serena la Pasqua ha il profumo del buon vino. In attesa della bella stagione. La Pasqua coincide, quest'anno, con i primi...

    Laimburg, vini che invecchiano nella roccia

    La cantina scavata nella roccia porfirica è uno dei fiori all'occhiello di Laimburg, dove vengono conservati e affinati alcuni dei suoi vini. Qui si svolgono anche degustazioni ed eventi istituzionali

    Dl Sostegno: chi ne beneficierà e quali sono i parametri per fare domanda

    Dall'8 Aprile arrivano i fondi del Dl Sostegno Cambiano i parametri di assegnazione nel Dl Sostegno, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 Marzo: punto chiave...