Select Page

Obiettivo dinamismo: intervista alla Chef Marianna Vitale

Obiettivo dinamismo: intervista alla Chef Marianna Vitale

Spalle dritte e braccia incrociate sul petto, quasi nel tentativo di voler creare una barriera e intimidire l’interlocutore. In questo modo inizia l’intervista alla Chef Marianna Vitale.

chef-marianna-vitale-02-ph-antonio-vitale2

Nel 2009 apre il suo ristorante Sud a Quarto, dopo una breve parentesi ai fornelli di Palazzo Petrucci con lo Chef Lino Scarallo. Con determinazione, inventiva e passione la giovane Chef ha intrapreso la strada della stella Michelin e l’ha conquistata nel 2011.

La sua capacità creativa di dare forma a un piatto e mettere insieme non solo dei gusti, ma delle idee, deriva da una energia e un fuoco che si alimenta e autoalimenta con stimoli esterni connessi a spinte interne. Una combustione che si produce a contatto con il mondo e si rivela e rileva nei suoi piatti che non vogliono esprimere – ricordando le parole del futurista Marinetti – «fiacchezza, pessimismo, inattività nostalgica e neutralismo», ma al contrario dinamismo e movimento.

«Il 50% della mia creatività è dentro, devo fare in modo che venga fuori; l’altro 50% aiuta quello che ho dentro a venir fuori grazie a stimoli esterni… il viaggio, come stimolo esterno, è fondamentale nei miei piatti, quindi il movimento e qualunque tipo di movimento».

I suoi piatti, come in un quadro, disegnano uno schizzo di tutti i luoghi, delle esperienze, dei cibi, delle persone e dei profumi incontrati e sistematizzati in un solo boccone.

La sua è una cucina che attinge dalla materia prima del territorio con alimenti e risorse influenzati dal tipo di clima e agricoltura locale; tant’è che i suoi piatti comunicano, oltre al gusto palatale, la voglia di riscatto e di avercela fatta in una zona generalmente complicata, dal punto di vista turistico, come quella dei Campi Flegrei. Piatti, i suoi, che non si rivolgono a un pubblico specifico o un cliente ideale e non vogliono produrre una stratificazione sociale o un format plastico predefinito di esperienze: così la decisione di rendere accessibili i prezzi nel suo ristorante.

L’apparente rigidità, avvertita da chi le sta attorno, è un atteggiamento di vita e un aspetto della sua personalità: «disciplina, ordine, regole mi hanno aiutato». Regole che hanno inevitabilmente permesso di conoscere i suoi limiti e superarli.

Il viaggio della giovane chef oggi non si è ancora concluso, il suo continuo movimento, la caparbietà e la grinta la porteranno su nuovi sentieri da percorrere e obiettivi da raggiungere e, vista la sua indole, forse lontani da Quarto. Non le appartiene la paura di stravolgere tutto e ricominciare da capo, per non perdere il guizzo creativo e la voglia di pensare al futuro: questa è Marianna Vitale.

 

13908878_10209565427830916_6957995644904828081_oAlessandro Ditommaso, il mio cibo è a metà tra tradizione lucana e moda gourmet; l’attrazione gastronomica nasce con gli studi sociologici ed è continuata con un master in comunicazione multimediale dell’enogastronomia. Non a caso appassionato della scrittura viscerale e di “pancia” di John Fante. Distribuisco i miei umori e amori gastronomici nel mio blog mettendo nero su bianco i colori culturali del cibo. Collaboro con le guide del Gambero Rosso e lascio sedurre il mio palato da vini riflessivi.

About The Author

Enea Silvio Tafuro

Amante della buona cucina, nasce in Campania, si appassiona al vino viaggiando in auto per le colline del Chianti Classico. Dopo un'esperienza da stagista, resta nella redazione de I Grandi Vini. Si converte totalmente alla bevanda degli dèi conseguendo il primo step da sommelier Fisar e sceglie come argomento della tesi di laurea il "Marketing del Vino".

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai notizie e aggiornamenti sul mondo del vino e non solo


Cliccando su "Iscriviti" accetti di ricevere la nostra newsletter (Leggi informativa). Potrai disiscriverti in ogni momento cliccando sul link presente nella newsletter che ti invieremo

ABBONATI ORA

I Grandi Vini è un bimestrale dedicato alle notizie e novità dal settore vinicolo. Da  più di 10 anni  in prima fila tra le riviste italiane sul vino, I Grandi Vini non è solo una rivista di settore è un progetto editoriale che ha come obiettivo quello di raccontare l’eccellenza, enologica in primis ma anche gastronomica, con sguardo crititco e sempre attento all’attualità, al contesto economico e socio- politico.

Regalati o regala un anno di… Grandi Vini

 

SCOPRI COME

Video Recenti

Loading...

Cos’è WineNetwork?


Un’ampia e moderna rete di servizi  con un unico comune denominatore: il vino.

Da oggi puoi raggiungere il target giusto

Il nostro consulente WineNetwork ti aiuterà a comunicare!

 

SCOPRI COME

Agro Meteo

oggi 16 Sep 19

 

  

  • vento
  •  
  •  
N/A
5 giorni di previsioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
N/A
Settaggi

Unità di temperature

  • Fahrenheit
  • Celsius

Unità di misura vento

  • Miglia
  • Kilometri
  • Metri
X