Impianti dell’azienda con certificazione “biologico”

La viticoltura sostenibile è in crescita esponenziale. Sempre più cantine abbracciano la filosofia green e producono vini biologici cercando di ridurre al minimo l’impatto ambientale e preservando così la natura e le risorse per le generazioni future. La diffusione della viticoltura sostenibile è strettamente legata anche alla richiesta nel mercato enologico di prodotti biologici preferiti da un gran numero di consumatori.
La Nuova Enovit, per venire incontro alle aziende vinicole che hanno optato per questa scelta, ha adeguato le proprie procedure e i propri impianti di tutte le certificazioni richieste dalla legge, incluse quelle per il crescente settore biologico.
I macchinari messi a disposizione dalla Nuova Enovit sono di ultima generazione e sottoposti a controlli che ne assicurano la prestanza operativa. Le macchine consentono l’imbottigliamento di vini o bevande ferme e frizzanti e l’applicazione di svariate tipologie di chiusura (sughero, vite, per tappo vetro, vino-lok, tappo fungo con gabbietta) prodotte dai maggiori marchi del settore (fra cui Gai, Cavagnino & Gatti, EverIntech, Sartorius).
Le realtà che hanno intenzione di dedicarsi o sono già votate alla sostenibilità ambientale possono contare per l’imbottigliamento di vini biologici sul noleggio delle attrezzature mobili della Nuova Enovit, costantemente assistite da uno staff preparato e aggiornato di enologi e operatori tecnici.
Nuova Enovit opera principalmente fra Toscana e Umbria, ma il 40% della sua clientela ha sede nel resto d’Italia, isole, in particolare la Sardegna, incluse.

http://www.nuovaenovit.it/