More

    Ciao Nonna Renata! Con te se ne va un pezzo importante della storia della Cantina Tornesi

    Vino senza solfiti, ma esiste davvero? Le risposte dell’enologo

    Se ne sente parlare sempre più spesso e ha catturato l'attenzione di un numero crescente di produttori, enologi ed esperti del settore. Stiamo parlando del vino senza solfiti.

    Industria 4.0 e vino, come beneficiare del Credito d’Imposta

    ERInformatica presenta il suo pacchetto “chiavi in mano” pensato appositamente per il mondo del vino, per virare verso un’industria 4.0 beneficiando del 50% in credito d’imposta.

    Vino Chianti, che successo: è boom di vendite da inizio 2021

    Il successo del Vino Chianti non si ferma, neanche in questo momento ancora - purtroppo - difficile causa pandemia

    Gin Tonic Day 2021

    Il 9 aprile è il Gin Tonic Day, ecco qualche consiglio per festeggiarlo al meglio!

    Gelate a Montalcino: si accendono i falò

    Come in Borgogna anche a Montalcino si accendono i falò per contrastare le gelate fuori stagione Il freddo è arrivato decisamente fuori stagione; dopo un...

    Oggi un sole timido si affaccia sui vigneti della Cantina Tornesi

     

    Sembra anche lui voler salutare una delle colonne portanti della famiglia che qualche giorno fa ci ha salutati, l’instancabile nonna Renata, che ha dedicato con fervente passione e costanza gran parte della sua vita, stagione dopo stagione, all’attività della famiglia Tornesi.

    Presente in tutti i momenti importanti della cantina, con l’allegria e con la forza d’animo che da sempre, in ben 93 anni, l’aveva contraddistinta. Fino all’ultima grande vendemmia, anche lì con il ruolo di capitano, a dirigere la grande squadra della famiglia Tornesi, insegnando a Maurizio prima e alla nipote Elisa dopo, tutti i segreti della tradizione enoica di un territorio votato naturalmente alla produzione del vino, quello di Montalcino.

    Nonna Renata, mancherà a tutti! Non solo alla sua famiglia, ma ad ogni pianta dei vigneti, alle sue adorate galline e a tutte le persone che nel loro cammino hanno avuto la fortuna di conoscerla. Rimarrà nei loro cuori, come dimostrano tutti i messaggi d’affetto nei suoi confronti, manifestati anche dopo una semplice visita in cantina. Era lei che con il suo modo da tuttofare si rimboccava le maniche per cucinare i piatti della tradizione toscana da accompagnare durante le degustazioni e gli eventi organizzati dalla famiglia Tornesi.

    Una grande roccia che porterà con se un pezzo importante della storia della famiglia e di Montalcino.

    Ciao Nonna Renata!

     

    Related Posts

    Ultimi Articoli

    Buona Pasqua da La Serena, un brindisi alla primavera con i vini della cantina

    Dal Brunello al Rosso di Montalcino, alla Cantina La Serena la Pasqua ha il profumo del buon vino. In attesa della bella stagione. La Pasqua coincide, quest'anno, con i primi...

    Laimburg, vini che invecchiano nella roccia

    La cantina scavata nella roccia porfirica è uno dei fiori all'occhiello di Laimburg, dove vengono conservati e affinati alcuni dei suoi vini. Qui si svolgono anche degustazioni ed eventi istituzionali

    Dl Sostegno: chi ne beneficierà e quali sono i parametri per fare domanda

    Dall'8 Aprile arrivano i fondi del Dl Sostegno Cambiano i parametri di assegnazione nel Dl Sostegno, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 Marzo: punto chiave...