Olio Dop Colline Salernitane, l’olio di antica tradizione

Sostenibilità al centro dell’attenzione nel mondo del vino: nasce Sustainable Wine Roundtable

Si chiama Sustainable Wine Roundtable (SWR) ed è una coalizione unica composta da oltre 40 membri tra grandi e piccoli produttori, distributori, rivenditori, organizzazioni ambientaliste e...

Vinòforum 2021

Roma, il successo di Vinòforum 2021 ed il week end di chiusura in grande stile Fine settimana conclusivo della rassegna Vinòforum 2021 che ha risportato...

Come nascono le bollicine? Differenze tra metodo classico e metodo charmat

Se vi è mai capitato di visitare una cantina che produce Prosecco e un'altra, che, ad esempio, si trova in Franciacorta, vi sarete sicuramente...

Cosmofood: torna a novembre l’ottava edizione

Italian Exhibition Group ha annunciato che dal 6 al 10 novembre si terrà il Cosmofood. La fiera di riferimento per il Food&Beverage del Triveneto avrà luogo a Vicenza.

E Bike Tour nel Montecucco: due giorni tra aziende agricole, boschi e vigneti

Influencer e giornalisti sono accorsi per l'e bike tour nel Montecucco La scorsa settimana il Consorzio del Montecucco ha organizzato una due giorni di tour...

La coltivazione dell’olio Dop Colline Salernitane si estende su una superficie di 19 mila ettari. Un olio dal duttile utilizzo e dall’aroma fruttata.

L’area dell’olio Dop Colline Salernitane ha un’origine antica, caratterizzata da un patrimonio varietale estremamente ricco. Il presidente del Consorzio Gerardo Alfani ci spiega quali sono le peculiarità di questo olio pregiato.

“L’olio Dop Colline Salernitane si ottiene dalla premitura di olive delle varietà Rotondella, Frantoio, Carpellese o Nostrale. Sono autoctone della zona di produzione o di antica introduzione”- spiega Alfani.

“La combinazione di condizioni pedoclimatiche favorevoli con un’antica tradizione colturale e con un’eccellente tecnica di trasformazione dà origine ad un prodotto dal colore giallo dorato intenso con velature verdi, ed da un aroma fruttato con sensazioni di erba e pomodoro acerbo”.

“Tutti i parametri fisico-chimici dell’olio caratterizzano un prodotto al vertice della qualità, estremamente adattabile per l’utilizzo gastronomico, e perfino cosmetico”.

Gerardo Alfani- Presidente Consorzio Colline Salernitane

La coltivazione dell’olivo nell’area DOP Colline Salernitane.

Oggi la coltivazione dell’olivo nell’area Dop Colline Salernitane occupa una superficie di 19 mila ettari. Essi sono distribuiti in un gran numero di aziende, pari al 45% della superficie provinciale destinata all’olivicoltura.

Il disciplinare identifica la zona di produzione dell’olio extra vergine DOP Colline Salernitane con 86 comuni della regione Campania. Le aree si estendono dalla Costiera Amalfitana fino alla Valle del Calore, includendo i Monti picentini, gli Alburni, l’Alto e Medio Sele, le colline del Tanagro e parte del territorio del Vallo di Diano.

Il marchio DOP, Denominazione di Origine Protetta, è un marchio istituito dalla Comunità Europea che garantisce la provenienza, la genuinità, la tipicità e l’elevata qualità fisico-chimica ed organolettica dell’olio. 

Il marchio DOP è attribuito solo agli oli di pregio prodotti in zone fortemente vocate alla coltivazione dell’olivo, dalle quali prendono il nome e traggono le loro caratteristiche.

olio
Olio Dop Colline Salernitane

Il Consorzio di Tutela dell’olio extra vergine d’oliva Dop Colline Salernitane.

Il Consorzio è stato costituito nel 2002 per volontà degli attori della filiera: olivicoltori, molitori ed imbottigliatori. La nascita del Consorzio punta a svolgere una fondamentale funzione di promozione e di tutela. Si tratta di una valorizzazione volta verso uno dei prodotti tipici che più caratterizza l’agricoltura collinare e pedemontana della provincia di Salerno. Un elemento fondamentale per la salvaguardia e lo sviluppo del territorio delle Colline Salernitane.

Il compito del Consorzio è quello di verificare che, in tutte le fasi della produzione degli oli contrassegnati con il marchio DOP Colline Salernitane, siano state rispettate, da tutti gli attori della filiera, le prescrizioni previste dal Disciplinare.

Related Posts

Ultimi Articoli

Punta sulla qualità del servizio del vino a bicchiere con Winebar 8.0

Per chi lavora in enoteca o nel settore Horeca, mantenere alta la qualità del servizio del vino a bicchiere è fondamentale: Eurocave presenta Winebar 8.0.

47 Anno Domini: il Prosecco Rosè Doc perfetto per il buon pesce affumicato

Lo spumante rosato della cantina trevigiana si distingue per profumi, abbinamenti e packaging Sono bollicine sorprendenti quelle del Prosecco Rosé Doc Spumante Bio Vegan di...

La sfida di Ondulkart passa per la sostenibilità!

Ondulkart sa che quando si tratta di wine packaging non è più soltanto una questione di design. Ma per stare al passo con i tempi è necessario adottare una filosofia “eco-sostenibile”.