Olio nuovo 2021: crollo della produzione, ma il prezzo no ne risentirà. Preoccupa la Puglia

A Natale regala un’emozione con i vini di Al Canevon

Personalizza le tue bottiglie per le festività natalizie e non solo. Scopri in e-commerce i vini dell’azienda per festeggiare al meglio qualsiasi momento!

Azoto, produzione di vino e packaging alimentare: ecco cosa li lega

L’azoto interviene in più settori della filiera alimentare e nella produzione di vino. Un gas che oggi può essere autoprodotto dalla stessa cantina o azienda in modo facile e sicuro.

Data uscita nuova annata Chianti: il Consorzio chiede di anticipare a gennaio 2022

il Consorzio di Tutela Vino Chianti ha chiesto alla Regione Toscana di anticipare di due mesi la data di uscita della nuova annata.

Rincaro materie prime: anche nel mondo del vino si rivedono i listini

Il rincaro delle materie prime colpisce anche i produttori di vino: il mondo del vino chiede attenzione del governo in legge di bilancio Le aziende...

Master of Wine Symposium: in Germania nel 2023

Il decimo Master of Wine Symposium internazionale si svolgerà in Germania nel 2023, dopo la cancellazione dell'evento ad Adelaide, in Australia, che era stato programmato per il prossimo anno.

Annata terribile per le olive: l’olio nuovo 2021 è un miraggio per molte regioni

Dopo l’annata 2020 con un raccolto abbondante e di qualità, quello dell’olio nuovo 2021 sarà purtroppo un momento da ricordare. E non in positivo.

Stando ai dati raccolti, la produzione crolla del 50%, sebbene le olive siano sane.

Come sostenuto da Coldiretti, uno dei motivi della scarsa produzione è legato ai fattori climatici e ambientali sfavorevoli, tra cui alcune gelate ad aprile e anche la siccità che si è protratta da giugno a settembre.

“Il clima pazzo- affermano da Coldiretti- è alla base di grossi cali nelle regioni italiane vocate alla produzione di olio“. Parliamo di PugliaCalabriaToscana, ma anche Sicilia.

Dello stesso avviso anche il portavoce del Consorzio dell’olio extravergine toscano Igp, Christian Sbardella.

“Il deficit idrico ha impedito alla pianta di svolgere il suo ciclo biologico: al fiore, seccato dall’ondata di calore di giugno, non è stato permesso di passare naturalmente a frutto. E le olive sono state stressate da una carenza idrica…Chi riesce a fare olio extravergine toscano Igp e lo sa fare a dispetto delle avversità climatiche sa che, nonostante tutto, riuscirà a portare a casa un buon livello qualitativo”.

Olio nuovo 2021 in Toscana: crolla la produzione. E il prezzo sale?

A rispondere è sempre Christian Sbardella, che afferma che in realtà non ci saranno grosse modifiche al prezzo dell’olio nuovo 2021 e che il prezzo al litro si assesterà intorno ai 13 euro.

Olio nuovo 2021 in Puglia: le criticità

Ad inaugurare in Puglia la stagione dell’olio nuovo sarà l’Antico Frantoio Muraglia di Andria che oggi, lunedì 8 novembre, alle ore 10.00, aprirà le porte del frantoio per il momento della spremitura

Per l’occasione saranno presentate da Coldiretti Puglia le stime sull’andamento della produzione regionale, con attenzione alla campagna olivicola e olearia provincia per provincia, ai dati sui consumi e sulle qualità dell’olio extravergine pugliese.

Il comunicato diffuso da Coldiretti Puglia intanto parla chiaro, sostenendo criticità importanti.

 “In Puglia- afferma Raffaele Carrabba, presidente di CIA Agricoltori Italiani della Puglia- la campagna olivicola 2021 si sta rivelando una Via Crucis. Riteniamo sia urgente, da parte della Regione, la convocazione di un tavolo di crisi per trovare soluzioni e misure attraverso le quali aiutare le aziende olivicole pugliesi ad andare avanti”.

Il mercato sembra bloccato al ribasso: chi si trova nella condizione di vendere rapidamente il prodotto, deve farlo a prezzi di 35-40 euro al quintale per la materia prima o di  3,80 euro e i 4 euro al litro.

La qualità, per fortuna c’è, ma il crollo della qualità è insostenibile sia nel Barese che nella provincia di Barletta-Andria-Trani.

A ciò si aggiunga anche la difficoltà legata alla manodopera: i ritardi nelle istruttorie delle richieste inerenti al Decreto Emersione e la mancata attuazione del Decreto Flussi hanno causato grandi difficoltà a tutto il comparto agricolo, con particolar evidenza per le aziende vinicole in vendemmia e quelle olivicole al momento della frangitura.

Venendo a mancare i lavoratori dell’Est Europa e dai Paesi extracomunitari, viene quindi a mancare la regolare manodopera.

“CIA Agricoltori Italiani ha chiesto di  poter ricorrere a chi è in cassa integrazione o percepisce un reddito di cittadinanza, ma chiaramente per farlo serve un intervento di legge”.

Related Posts

Ultimi Articoli

A Natale regala un’emozione con i vini di Al Canevon

Personalizza le tue bottiglie per le festività natalizie e non solo. Scopri in e-commerce i vini dell’azienda per festeggiare al meglio qualsiasi momento!

Ondulkart: trova la giusta misura per il tuo packaging natalizio

Lo Scatolificio Ondulkart realizza soluzioni sicure, personalizzabili ed eco-friendly, fondamentali per un packaging di qualità ed innovativo.

A Merano Wine Festival il Sannio celebra vino e cibo

Durante il Merano Wine Festival - la celebre rassegna altoatesina, andata in scena dal 5 al 9 novembre - il Sannio Consorzio Tutela Vini ha portato non solo le sue eccellenze vitivinicole, ma anche i piatti tipici del territorio.