Boom dell’e-commerce: già nel 2020 si sono toccati i 757 miliardi di euro

I vini premiati a Sud Top Wine

Cerimonia conclusiva della terza edizione di Sud Top Wine che ripone il drappo con soddisfazione per il bel lavoro svolto nel panorama enoico del...

Tutti i Trend Food and Beverage del 2021

Drink senz'alcol, sostenibilità, soluzioni smart e costumization ecco tutti i trend del settore spirits e food del 2021.

Studio Tiendeo: Quali vini preferiscono gli italiani?

Secondo un studio condotto da Tiendeo.it, gli italiani preferiscono bere vino rosso e i consumatori predisposti a comprare online provengono dalla Lombardia.

Irriverenti, istruttivi e divertenti: i podcast sul vino spopolano anche in Italia

Si chiama IVV Wine Show il podcast sul vino di Tommaso Cattivelli e Lorenzo Gualandri: 45 puntate in cui sentirete parlare di vino in...

Studio “In a Bottle”: anche gli italiani sbagliano a tavola

In occasione della Giornata Mondiale dell'Alimentazione, In a Bottle ha condotto uno studio su circa 1.400 italiani per verificare gli errori che si commettono in ambito alimentare.

Dalla prima fase di pandemia del 2020 nella maggior parte dei settori economici si parla di boom dell’e-commerce, cioè una pratica commerciale che mette in contatto commercianti e acquirenti. Prima dei lockdown il 70% dei rivenditori e dei grossisti non valorizzavano le vendite online, perché il cliente preferiva fare acquisti di persona. Invece, nella seconda parte del 2021 è stato registrato un vertiginoso aumento di questa modalità di vendita per i settori chiave in Italia, tra cui quello del food and wine.

E-commerce nel 2020

Già nel 2020 il commercio online è aumentato del 10% fino a toccare i 757 miliardi di euro, trasformando il ruolo dell’e-commerce da comparsa a protagonista di uno scenario che si stava trasformando sempre più. In particolare, due persone su cinque hanno sostituito gli acquisti in negozio, spostandosi sul web così come per quanto riguarda l’export dei vini e spiriti italiani che ha toccato punte di 7,8 miliardi di euro. In un periodo buio come il 2020, l’e-commerce è quindi stato fondamentale sia per la società che per l’economia trovando nuove soluzioni di vendita, evitando di far entrare un paese in fallimento. Nel 2021 questa situazione è aumentata ancora di più.

Vino: aumentano le vendite online

IIl fenomeno delle vendite online coinvolge in modo molto importante il mondo del vino. Molte aziende del comparto vinicolo rendevano già attiva la possibilità di usufruire di un servizio e-commerce ma non aveva ancora acquisito l’importanza di oggi. Con i mesi della prima fase di lockdown aveva prodotto un’impennata molto significativa soprattutto nei piccoli distributori. In più, nel 2020 le vendite enoiche digitali delle catene della Gdo hanno registrato un forte aumento del +151%,con i dati registrati da Norisma Wine Monitor nel 2021 la crescita dell’e-commerce è ancora più forte, con un trend del +310%. Quest’incremento è dovuto anche alla chiusura dei servizi come bar, ristoranti che hanno portato beneficio per prodotti come vini docspumanti e vini da tavola.

Boom e-commerce 2021: record italiano +78%

Quest’anno siamo proprio dentro il mondo digitale. Nel 2021 infatti il boom dell’e-commerce continua con grandi risultati facendo aumentare anche le percentuali. La spesa online di prodotti a largo consumo è arrivata ad aumentare del +37,5%, il mercato del vino, invece, dopo aver conquistato un +141% nell’anno della pandemia, ha continuato ad aumentare il tiro fino ad un aumento del +350%. Sono dati molto positivi a sostegno di un trend di mercato che fortunatamente non sembra arrestarsi. Un boom dell’e-commerce che in questo 2021 con un +78% registra un ottimo record. 

Cambiamento vendite online del vino prima e dopo la pandemia

Se pensiamo al periodo pre covid, la maggior parte dei consumatori non era solito acquistare bottiglie all’enoteca per poi consumarla a casa in tranquillità. Dal primo lockdown in poi la situazione si è ribaltata. Sempre più persone acquistano bottiglie di vino, anche più ricercate dai siti e-commerce. I siti e-commerce di proprietà delle aziende vinicole permettono di accedere direttamente al viticoltore. Prima della pandemia, la gran maggioranza degli italiani non aveva mai acquistato tramite siti online delle cantine. L’avvento dello smartworking ha letteralmente cambiato le abitudini di molti consumatori che spesso scelgono di mangiare a casa, ma con una buona bottiglia di vino. Con i dati positivi descritti precedentemente non si può non sostenere che l’e-commerce è stato sicuramente uno dei grandi protagonisti di questi due anni. 

Nel settore del vino ci sono già delle nuove esperienze. Si affaccia nel panorama digitale anche tutto ciò che comprende le degustazioni, aumentano infatti gli acquisti delle wine-experiences nei marketplace del web. Si fa riferimento alla possibilità di acquistare dei voucher per la consumazione in presenza, in cantina o nelle enoteche.

Non parliamo di degustazioni virtuali. Ma della possibilità di acquistare dei voucher da consumare in presenza, direttamente nella cantina o nella struttura deputata a tale attività.

Cosa ci si aspetta nei prossimi anni

Se in due anni lo shop online ha avuto tanto successo e ottenuto un boom incredibile, chissà quali saranno i numeri che si potranno raggiungere nei prossimi anni con lo sviluppo continuo della tecnologia. Le prime previsioni si hanno da un’indagine di eMarketer, secondo cui il fatturato sarà di 5 trilioni di dollari nel 2022, fino ad arrivare a 6 trilioni entro il 2024. Insomma, siamo davanti a una rivoluzione delle abitudini, delle preferenze e dei canali d’acquisto usati dai consumatori. Se volete restare aggiornati con il mondo del vino e leggere le ultime novità del food and beverage scoprite tutti gli approfondimenti dedicati sul nostro sito nella sezione non solo vino.

 

Related Posts

Ultimi Articoli

Incisioni scatole e cofanetti vino personalizzate: le idee per la tua cantina

Fusi&Fusi è al tuo fianco per aiutarti a realizzare incisioni su scatole vino personalizzate preziose e originali per i tuoi vini

Il Prosecco DOC verso la sostenibilità di filiera

Protocolli per la gestione delle operazioni colturali, messa a dimora di nuove siepi e analisi pedoclimatica del territorio: sono alcuni dei progetti in ottica sostenibilità del Consorzio Prosecco DOC, che traccia la strada del futuro per il vino italiano.

7 fasi in cui usare un generatore d’azoto in cantina

Spesso, le aziende vitivinicole hanno bisogno di usare un generatore di azoto in cantina per prevenire l’ossidazione del vino. Ecco quali sono le fasi che ne richiedono la presenza.