Il miglior drink con Moscato d’Asti porta con sé un po’ di Sicilia

I vini premiati a Sud Top Wine

Cerimonia conclusiva della terza edizione di Sud Top Wine che ripone il drappo con soddisfazione per il bel lavoro svolto nel panorama enoico del...

Tutti i Trend Food and Beverage del 2021

Drink senz'alcol, sostenibilità, soluzioni smart e costumization ecco tutti i trend del settore spirits e food del 2021.

Studio Tiendeo: Quali vini preferiscono gli italiani?

Secondo un studio condotto da Tiendeo.it, gli italiani preferiscono bere vino rosso e i consumatori predisposti a comprare online provengono dalla Lombardia.

Irriverenti, istruttivi e divertenti: i podcast sul vino spopolano anche in Italia

Si chiama IVV Wine Show il podcast sul vino di Tommaso Cattivelli e Lorenzo Gualandri: 45 puntate in cui sentirete parlare di vino in...

Studio “In a Bottle”: anche gli italiani sbagliano a tavola

In occasione della Giornata Mondiale dell'Alimentazione, In a Bottle ha condotto uno studio su circa 1.400 italiani per verificare gli errori che si commettono in ambito alimentare.

È Giulia Di Blasi a ottenere il primo posto nel concorso “Asti Mix con Giorgio Facchinetti”, iniziativa promossa dal Consorzio dell’Asti spumante e del Moscato d’Asti Docg per premiare il miglior drink realizzato con Moscato d’Asti come ingrediente. La vincitrice ha trionfato con una proposta che richiama una terra dal grande fascino, la Sicilia, in particolare Marina di Ragusa.

Un concorso per trovare il miglior drink con Moscato d’Asti

“Asti Mix con Giorgio Facchinetti” è la dimostrazione di come un vino iconico come il Moscato d’Asti possa stupire anche come ingrediente di un cocktail. A fare da giudice, il celebre flair bartender e bar specialist Giorgio Facchinetti. È stato proprio lui, nel corso di una diretta Instagram, ad annunciare i vincitori. Un’occasione anche per presentare in anteprima il suo nuovo cocktail per la stagione autunno – inverno: MiMandaRino. Un drink con Moscato d’Asti dal profumo di mandarino dove la celebre bollicina piemontese è accompagnata da vermouth e bitter.

cocktail moscato asti
Immagine di repertorio

Il Moscato d’Asti come ingrediente di un cocktail

Facchinetti ha giudicato i tanti drink in gara e alla fine il primo posto è andato a MRG Sunset, il cocktail realizzato da Giulia di Biasi. È questo, secondo il giudice, il drink che meglio ha saputo giocare con gli aromi inconfondibili del Moscato d’Asti, valorizzandoli in miscelazione.

Il drink, il cui acronimo MRG omaggia la località siciliana Marina di Ragusa, dove Giulia si trovava nel momento dell’ideazione, si è dimostrato il più completo in termini di gusto, originalità e replicabilità. Il tutto, grazie anche all’utilizzo di un amaro facilmente sostituibile.

Al secondo posto, Simone Bani con il drink Indian Asti, un cocktail contenente zenzero e anice tra gli ingredienti. Medaglia di bronzo per Simone Pifferi con il cocktail Krasti 

Curiosi di realizzare un drink con Moscato d’Asti a casa? Potete seguire i canali social del Consorzio, dove andranno in scena le video-ricette dei cocktail Asti Mix e prendere spunto e ispirazione. Non resta che acquistare gli ingredienti, scegliere il bicchiere giusto e… cominciare a mescolare!

Cocktail a base di vino: è tendenza

Il Moscato d’Asti non è l’unico vino con cui realizzare un drink. Se tra i cocktail più richiesti (secondo Drink International) la top 5 è ancora dominata dai distillati, si diffonde il trend di realizzare bevande miscelate a base vino. Ne sono un esempio i cocktail con Marsala o l’intramontabile Spritz, che ha tra gli ingredienti il Prosecco. Non resta che provare e giocare con la fantasia, per dar vita al mix giusto per accompagnare i vostri momenti di svago e relax.

Related Posts

Ultimi Articoli

Incisioni scatole e cofanetti vino personalizzate: le idee per la tua cantina

Fusi&Fusi è al tuo fianco per aiutarti a realizzare incisioni su scatole vino personalizzate preziose e originali per i tuoi vini

Il Prosecco DOC verso la sostenibilità di filiera

Protocolli per la gestione delle operazioni colturali, messa a dimora di nuove siepi e analisi pedoclimatica del territorio: sono alcuni dei progetti in ottica sostenibilità del Consorzio Prosecco DOC, che traccia la strada del futuro per il vino italiano.

7 fasi in cui usare un generatore d’azoto in cantina

Spesso, le aziende vitivinicole hanno bisogno di usare un generatore di azoto in cantina per prevenire l’ossidazione del vino. Ecco quali sono le fasi che ne richiedono la presenza.