Il rum premium sarà la nuova tendenza dei distillati di lusso?

Il rum rappresenta l’11,3% della categoria totale degli alcolici. Nelle vendite si preferisce il rum premium.

Un nuovo rapporto sulle tendenze pubblicato da Master of Malt ha rilevato che il rum rappresentava l’11,3% della categoria totale di alcolici nel primo e secondo trimestre del 2022, rispetto a solo il 9% nel 2021. Ma alla fine di quest’anno il rivenditore online ha visto una maggiore domanda per l’acquisto di bottiglie appartenenti alla categoria di rum premium

rum tasting
rum tasting

Fondamentale la Premiumizzazione.

Questa tendenza verso la premiumizzazione si collega alla recente notizia secondo cui le vendite di rum hanno ora superato il whisky, raggiungendo 1 miliardo di sterline all’anno nel Regno Unito. In Inghilterra infatti domina il cambiamento nella percezione del rum da distillato da bere miscelato a uno da sorseggiare. Questo sta contribuendo alla sua crescita, mentre anche l’evoluzione di una cultura del cocktail sta giocando un ruolo molto importante. Per la maggiore a spopolare sono i rum aromatizzati e speziati, che attirano maggiormente i bevitori più giovani rispetto ai tradizionali rum bianchi e scuri. La possibilità di collezionare il distillato inoltre sembra inoltre appassionare i consumatori e rappresenta è la chiave del successo dello spirito.

premiumizzazione distillati
premiumizzazione distillati

La popolarità del Rum.

Sebbene il rum sia stato in gran parte lasciato indietro nella tendenza alla premiumizzazione su cui altri liquori hanno capitalizzato, l’innovazione di prodotto e il marketing mirato stanno ora aumentando il potenziale del rum nel Regno Unito e in Francia. Tuttavia, è necessario fare una distinzione tra i consistenti rum di fascia bassa venduti in tutta l’Asia e i rum di migliore qualità e più orientati a livello internazionale provenienti dal Sud America e dai Caraibi.

 

 

 

Related Posts

Ultimi Articoli