Ruben Sudmeier vince The Vero Bartender

A vincere la competizione internazionale The Vero Bartender di Amaro Montenegro è lo spagnolo Ruben Sudmeier.

Il nuovo vincitore di The Vero Bartender è stato il ventitreenne Ruben Sudmeier. Olandese di nascita ma spagnolo di adozione oggi, ricopre il ruolo di head bartender al Café Niebla Bar di Salamanca dal 2021. Sudmeier ha così commentato: “Dietro al mio cocktail c’è veramente un viaggio tecnico attraverso l’Amaro Montenegro. I miei genitori hanno supportato questo mio percorso e a loro devo questo risultato. In Spagna amiamo Amaro Montenegro. Ora andrò a New York. Ci sono tante cose da fare, ora che ho vinto; è stata un’estate intensa e sarà un inverno altrettanto vivo”.

miscelazione
miscelazione

Il contest: shaker alla mano, amaro Montenegro e un po’ di fantasia.

Il tema al centro della quinta edizione della competizione lo “SHARING THE ESSENCE” ovvero quello di realizzare una ricetta ispirata a un’avventura o a un viaggio. I concorrenti infatti erano chiamati a creare uno sharing cocktail a base di Amaro Montenegro.

The-Vero-bartender-Vincitore-Ruben-Sudmeier-Copia-768x1152
Ruben Sudmeier

Ruben Sudmeier ha vinto con il suo cocktail Wanderer così composto:

  • Amaro Montenegro (4 cl)
  • Black Bush in fat washing di pistacchio (3 cl)
  • Aceto en Rama Ximenez Spinola (0,5 cl)
  • Tintura di Premio 1 dash

A valutare la sua performance una giuria internazionale, composta da alcuni tra i massimi esponenti del settore: Alice Lascelles (spirit expert del Financial Times); Giulia Cuccurullo (head bartender dell’Artesian Bar di Londra); Marcus Fredriksson (vincitore di The Vero Bartender Global 2019) e Matteo Bonoli (master herbalist Amaro Montenegro).

I premi e il volo verso New York:

La premiazione si è tenuta a Bologna nella cornice di Palazzo Re Enzo. Sudmeier arrivando primo si è aggiudicato il primo premio che consiste in un viaggio a New York in occasione di Bar Convent Brooklyn 2023. “Dopo cinque edizioni, The Vero Bartender sta raccogliendo sempre più consensi da parte dei bartender di tutto il mondo, con adesioni che aumentano di anno in anno”, ha dichiarato Marco Ferrari, CEO di Gruppo Montenegro. “Cavalcando una tendenza partita dagli Stati Uniti, la categoria degli amari sta diventando sempre più centrale nella miscelazione. E in questo contesto Amaro Montenegro, grazie alla sua grande versatilità, è senza dubbio tra i più apprezzati. Un successo esponenziale a cui guardiamo con sempre maggiore attenzione”.

Related Posts

Ultimi Articoli