Grappa d’estate: il vademecum per il consumatore

La 6° Conferenza Mondiale del Turismo del Vino sarà in Italia

Nel settembre 2022 toccherà finalmente all'Italia, e più in particolare ad Alba, ospitare la Conferenza Mondiale del Turismo del Vino (Global Conference in Wine Tourism).

Tech-System, linee per pallettizzazione e incartonamento

Linee per pallettizzazione e incartonamento: ecco le proposte di Tech-SystemUn servizio a 360° quello di Tech- System, che ha come principale obiettivo quello di...

Anteprima Merano WineFestival: al via con Naturae et Purae il 18-20 giugno

Tutto pronto per l’Anteprima Merano WineFestival: le richieste di accredito saranno fatte online Dopo lo stop dettato dalla pandemia e la versione digital del MWF...

Cresce la produzione bio nelle cantine cooperative, il 61% è Green

Cresce la produzione biologica nel mondo vitivinicolo cooperativo: da un'indagine realizzata da Alleanza Cooperative Agroalimentari su un campione rappresentativo delle proprie associate.

Come sta l’export del vino italiano dopo oltre un anno di pandemia?

La ripresa c'è e si vede, con i dati relativi all'export vino italiano che disegnano una curva verso l'alto. A dirlo, è l'analisi di Ismea e Unione italiana vini (Uiv), che hanno elaborato i dati Istat relativi alle esportazioni di vino nel primo trimestre del 2021

 

No ghiaccio ma si in frigo, i suggerimenti per apprezzarla anche durante il periodo estivo

Sono in molti a pensare che con l’arrivo della bella stagione la bottiglia di grappa sia da lasciare in dispensa, ma non è necessariamente così.

Bere grappa d’estate si può, ma sempre con moderazione. Elvio Bonollo, alla guida delle Distillerie Bonollo Umberto, azienda di Mestrino, in provincia di Padova, leader nel mercato internazionale svela i segreti per consumare il distillato anche durante la bella stagione.

Innanzitutto si consiglia di tenerla in frigorifero e di estrarla qualche minuto prima della degustazione in modo da farle raggiungere i 15/18 ° che ne costituiscono la temperatura ottimale per mantenere intatta la percezione del bouquet aromatico. 

Durante la degustazione è necessario non aggiungere mai ghiaccio in quanto la diluizione che ne consegue apporterebbe delle modifiche ai profumi, all’intensità e i gusti del distillato.

Secondo una recente analisi di mercato condotta d’Artefice Group in collaborazione con Toluna, sembra che il consumo di grappa invecchiata in barrique sia la preferita tra i consumatori (+45%) con un valore che sale fino al 67% tra gli esperti. I veri amanti dei distillati si dimostrano più esigenti e sempre alla ricerca di esperienze sensoriali sofisticate e più qualitative che quantitative.

Related Posts

Ultimi Articoli

Enoturismo: nel cuore di Montalcino la Cantina Talenti

Un viaggio alla scoperta dell’autentica atmosfera della campagna senese in compagnia di una selezione degli eccellenti vini Talenti La Cantina Talenti sorge nel cuore di...

B.E.V.I.: su Sky Arte il vino diventa arte

Sky Arte lancia B.E.V.I., una serie televisiva dedicata al mondo del vino Sui canali 120 e 400 di Sky (Sky Arte) va in onda B.E.V.I.: prodotta...

Le misure per il rilancio del settore vino: export, fiscalità e cultura del bere

È andato in scena negli scorsi giorni l'evento pubblico di Federvini in cui si è discusso, tra l'altro anche delle misure necessarie per il rilancio del settore vino e le sfide che lo attendono nei prossimi anni.