Una Grappa sempre più rosa con le Donne della Grappa ANAG a Vinitaly 2023

A Vinitaly 2023 il passaggio di consegne ufficiale dall’Associazione Donne della Grappa a un nuovo gruppo al femminile all’interno di ANAG.

Le Donne della Grappa ANAG diventano le nuove ambasciatrici del distillato italiano di bandiera verso il pubblico femminile raccogliendo il testimone dall’Associazione Donne della Grappa che riuniva un gruppo di produttrici.

Il passaggio di consegne è avvenuto martedì 4 aprile a Vinitaly, all’interno dello stand istituzionale della Regione Piemonte, con la consegna del logo e del brand da Elisa Belvedere Mazzetti, presidente uscente dell’Associazione Donne della Grappa a Paola Soldi, presidente nazionale ANAG. A guidare il nuovo gruppo in rosa sarà Anna Maria De Luca, referente territoriale per ANAG in Puglia. L’iniziativa ha visto la partecipazione di Marirosa Gioda Tamassia, referente territoriale per ANAG in Piemonte e di alcune socie assaggiatrici ANAG in arrivo da tutte le regioni ed è stata arricchita dal saluto, fra gli altri, di Sebastiano Caffo, presidente del Consorzio Nazionale di Tutela Grappa, e di Donatella Cinelli Colombini e Antonietta Mazzeo, rispettivamente presidente e consigliera nazionale dell’Associazione Nazionale Le Donne del Vino.

Le parole della Presidente di ANAG.

“Questo passaggio di consegne – afferma Paola Soldi, presidente nazionale ANAG – rappresenta un valore aggiunto per tutta la nostra associazione, che dal 1978 promuove la qualità del distillato e il bere consapevole. Nel tempo la Grappa si è arricchita del valore aggiunto, in termini di sensibilità femminile, portato da tante distillatrici che hanno ricercato i profumi e gli aromi di questo prodotto esclusivamente italiano che oggi non ha nulla da invidiare a tanti distillati internazionali.

Con questi obiettivi, le Donne della Grappa ANAG rappresenteranno le nuove ambasciatrici verso il pubblico femminile delle doti di finezza ed eleganza che, con il passare degli anni, hanno portato la Grappa ad allontanarsi dal consumo associato esclusivamente agli uomini. Questo è stato possibile anche grazie al lavoro svolto dall’Associazione ‘Donne della Grappa’, che ringrazio per aver voluto donare ad ANAG il logo, il brand e tutto il patrimonio sociale e culturale maturato in oltre 20 anni di attività”.

I nuovi obiettivi e le prospettive per il futuro.

A illustrare gli obiettivi del nuovo gruppo ANAG al femminile è la neo coordinatrice Anna Maria De Luca. “La Grappa è l’anima della terra, come diceva Mario Soldati, e le Donne della Grappa ANAG sono pronte ad avvicinare sempre di più il distillato italiano di bandiera al mondo femminile e alle giovani generazioni. Questo per accompagnare tanti momenti di piacere con un approccio attento al bere consapevole.

È importante diffondere la cultura, la storia e le tradizioni che sono dentro un calice di grappa e far comprendere che ogni sorso si porta dietro un patrimonio culturale di grande valore, diverso da regione a regione ma unito dalla continua ricerca della qualità. Il nuovo gruppo ANAG è pronto a portare avanti, con orgoglio e determinazione, il buon lavoro svolto finora dall’Associazione ‘Donne della Grappa’ contando su una presidente donna e su oltre un quarto di presenze femminili. Presenza che coinvolgeremo in un nuovo racconto della Grappa valorizzando gli aspetti di piacevolezza e di eleganza e declinando la sua presenza nel mondo femminile, dalla mixology all’utilizzo in cucina fino agli abbinamenti, alla moda e ad altri ambiti”. 

L’associazione Donne della Grappa.

L’Associazione Donne della Grappa, nata nel 2001, ha promosso negli anni numerose attività e iniziative per portare all’attenzione delle donne i profumi e l’eleganza delle grappe e dei distillati, favorendo il superamento dello stereotipo della grappa come prodotto soltanto per uomini. Un obiettivo condiviso negli anni anche da ANAG, impegnata dal 1978 per promuovere un assaggio responsabile e consapevole, con un numero crescente di socie docenti e assaggiatrici e guidata dal 2014 da Paola Soldi. A questo si aggiunge la componente femminile in crescita nel mondo della distillazione, con numerose donne alla guida di distillerie. Queste sono pronte a esaltare la ricchezza di aromi e profumi che la grappa porta con sé. Diverse da regione a regione con un ampio e variegato patrimonio di tradizioni e professionalità.

Related Posts

Ultimi Articoli