More

    Non solo Langhe. Tortona e Volpedo: ecco tre motivi per farci un tour

    Vino senza solfiti, ma esiste davvero? Le risposte dell’enologo

    Se ne sente parlare sempre più spesso e ha catturato l'attenzione di un numero crescente di produttori, enologi ed esperti del settore. Stiamo parlando del vino senza solfiti.

    Industria 4.0 e vino, come beneficiare del Credito d’Imposta

    ERInformatica presenta il suo pacchetto “chiavi in mano” pensato appositamente per il mondo del vino, per virare verso un’industria 4.0 beneficiando del 50% in credito d’imposta.

    Vino Chianti, che successo: è boom di vendite da inizio 2021

    Il successo del Vino Chianti non si ferma, neanche in questo momento ancora - purtroppo - difficile causa pandemia

    Gin Tonic Day 2021

    Il 9 aprile è il Gin Tonic Day, ecco qualche consiglio per festeggiarlo al meglio!

    Gelate a Montalcino: si accendono i falò

    Come in Borgogna anche a Montalcino si accendono i falò per contrastare le gelate fuori stagione Il freddo è arrivato decisamente fuori stagione; dopo un...

    A pochi km da Milano, Tortona e Volpedo racchiudono angoli per mini tour d’elite.

    Quando si parla di vino e Piemonte, la prima associazione è sempre con le suggestive Langhe.
    Vero. Eppure in Piemonte si celano altri angoli da scoprire attraverso il fil rouge del vino. Ad esempio Tortona. A pochi km da Milano (circa 40 minuti di strada traffico permettendo), questa cittadina che per molti è solo una delle uscite lungo l’autostrada, cela un angolo di Piemonte ancora intatto, tra storia a genuinità. Ecco 3 motivi per visitarla.

    1-L’arte: potete visitare la Pinacoteca dedicata al Divisionismo, che ospita le opere di Angelo Barabino, Emilio Longono, Plinio Nomellini, Giovanni Segantini e molti altri, ma soprattutto Giuseppe Pellizza da Volpedo, autore de Il Quarto Stato, dipinto proprio qui, a pochi km da Tortona, nella sua città natìa, Volpedo. E a Volpedo potrete ammirare la riproduzione dell’opera, erta nella piazza dov’è ambientato il quadro. Fate tappa allo studio dell’artista, indenne al tempo e suggestivo.

    2-Ovviamente la complessità artistica solletica l’appetito. Nonostante le dimensioni contenute della cittadina di Tortona, a originalità ha poco da invidiare: da Anna Ghisolfi potrete degustare una cucina dai sapori e dai profumi legati alla tradizione, presentata però con estro e cura. Ma questo è la cosa che noterete solo in un secondo momento: il locale è all’interno di una chiesa sconsacrata e la sua cucina non poteva che incastonarsi laddove un tempo c’era l’altare. Un dettaglio ironico ma nemmeno tanto: quando avrete conosciuto la chef (in cucina solo donne guidate dalla creativa Anna) vi renderete conto che nulla è a caso.

    3-Per completare il tour non può mancare un vino legato al territorio: in questo senso Cantine Volpi non vi deluderanno. Possiamo raccontarvi del suo Barbera che ‘non tocca legno’ e si offre nel bicchiere profumato, armonico ed equilibrato, delle sue bollicine a base di Cortese o del suo Timorasso, bianco autoctono fresco e ricco di sfaccettature. Ma verrebbe la pena di venire a Tortona anche solo per conoscere Carlo Volpi, patron dell’azienda, e sua moglie Laura. Se gli chiedete dei loro vini non elencheranno numeri e proprietà organolettiche, bensì racconteranno le cene post vendemmia presso Cascina La Zerba di Volpedo, che da 7 partecipanti oggi ne conta 100. E come si fa ad accogliere tutte queste persone? “Avete rinunciato a organizzare la cena?”.
    “No” ci hanno risposto “Abbiamo trovato un luogo più grande per stare insieme”.

    Ps per dormire, Casa Sironi of course: fatevi raccontare da Gianni, il vostro ospite, la storia dell’antica filanda, della professoressa di Latino Franca e di Ferdinando il viaggiatore.

    Related Posts

    Ultimi Articoli

    Buona Pasqua da La Serena, un brindisi alla primavera con i vini della cantina

    Dal Brunello al Rosso di Montalcino, alla Cantina La Serena la Pasqua ha il profumo del buon vino. In attesa della bella stagione. La Pasqua coincide, quest'anno, con i primi...

    Laimburg, vini che invecchiano nella roccia

    La cantina scavata nella roccia porfirica è uno dei fiori all'occhiello di Laimburg, dove vengono conservati e affinati alcuni dei suoi vini. Qui si svolgono anche degustazioni ed eventi istituzionali

    Dl Sostegno: chi ne beneficierà e quali sono i parametri per fare domanda

    Dall'8 Aprile arrivano i fondi del Dl Sostegno Cambiano i parametri di assegnazione nel Dl Sostegno, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 Marzo: punto chiave...