Visita in cantina a Montalcino a La Serena: quando l’enoturismo diventa scoperta

Cantine Bike Friendly, le cantine della provincia di Siena quest’estate accolgono i ciclisti

Pedalare tra i vigneti della Toscana e essere accolti in una delle tante cantine sparse in provincia di Siena. È Cantine Bike Friendly.

Previsioni vendemmia 2021 in Sicilia: “finora annata ideale”

La presentazione dei dati sull'annata 2020 del vino siciliano è stato anche l'occasione di riflettere sulle previsioni per la vendemmia 2021 in Sicilia. Manca poco,...

Arriva Whisky Week, il festival sul lago di Como

Appuntamento il 28 e il 29 agosto a Villa Parravicini Revel sul Lago di Como per la prima edizione del Whisky Week.

Degustazione dell’olio: consigli utili per non sbagliare

Amaro, piccante, rancido, avvinato: la degustazione dell’olio si basa su olfatto e gusto La degustazione dell’olio, così come quella del vino, è un’arte complessa e...

Flessibilità OCM Vino: conto alla rovescia per l’approvazione del decreto Mipaaf

Richiesto dagli addetti ai lavori, il decreto sulla Flessibilità Ocm Vino prevede le varianti dei programmi per far fronte ai cambiamenti generati dalla pandemia...

La visita in cantina a Montalcino conduce i visitatori in un’esperienza che racconta non solo i suoi vini, ma anche la sua storia e identità

Scoperta del territorio, scoperta di una professione, scoperta di piccoli gesti che portano alla nascita di una nuova bottiglia. Più che una “semplice” visita in cantina a Montalcino, un’esperienza autentica di che cosa significa “fare vino”. È questo che la famiglia Mantengoli ha cercato di realizzare quando ha aperto le porte della sua cantina alle visite. Un percorso che non si ferma alla degustazione dei vini dell’azienda, ma che va a comprenderne la filosofia, l’impegno e l’idea di viticoltura che c’è dietro. Idea che ha nel rispetto del territorio uno dei suoi punti cardine e nella cantina costruita secondo i principi della bioarchitettura una delle sue realizzazioni più concrete.

Il racconto di un territorio

Una visita in cantina a Montalcino non può non partire dal territorio e dalla sua storia. E la struttura della cantina La Serena, così particolare e unica nel suo genere, si sposa bene a questo tipo di narrazione. “Chi viene a visitarci si trova di fronte una costruzione che è un tutt’uno con il paesaggio – racconta Andrea Mantengoli -. E intorno, le nostre vigne. La cantina è stata, infatti, costruita a inizio anni 2000 secondo i principi della bioarchitettura: forme che si integrano armoniosamente con il paesaggio, colori che richiamano quelli del territorio di Montalcino e materiali naturali. Per capire i nostri vini, bisogna conoscere anche i concetti che li ispirano. Non basta una degustazione: serve un’esperienza immersiva”.

Come La Serena, anche il territorio di Montalcino si lega al suo territorio e alla sua storia. Lo testimonia l’ultimo progetto targato Consorzio Brunello di Montalcino, il Tempio del Brunello, presentato alla stampa in questi giorni. “Montalcino celebra la sua cultura e il suo patrimonio unico nel nome del suo vino simbolo – continuano dalla cantina – Un’iniziativa unica che sarà una tappa imprescindibile per chi tornerà a visitare la nostra città”. 

La visita in cantina

Una volta superato il colpo d’occhio della cantina dall’esterno, si passa all’interno, in un viaggio tra sale e locali di invecchiamento. Anche l’ingresso non è da meno e racconta la storia dell’azienda, con un affresco che ne ripercorre le tappe più importanti dal 1933 a oggi. “Conduciamo il visitatore in un percorso studiato e, soprattutto, raccontato perché vogliamo che esca da lì arricchito – continuano -. Lavoriamo perché non gli resti il ricordo di una bella visita in cantina, come tante altre che ha fatto finora, ma di un’esperienza che gli ha lasciato qualcosa. E con qualche curiosità in più soddisfatta e conoscenza acquisita”.

La degustazione sulla torre durante la visita in cantina

È di certo uno dei momenti più suggestivi del percorso. La degustazione del Brunello e del Rosso di Montalcino de La Serena avviene all’ultimo piano della torre. Sullo sfondo, il Monte Amiata, Montalcino e Pienza, con le luci di Siena in lontananza che si intravedono nelle notti d’estate più limpide. Un momento quasi magico, che chiude il cerchio di una visita cominciata là dove nasce la vite e che si chiude con il vino nel bicchiere. 

 

 

 

 

Related Posts

Ultimi Articoli

Al Canevon apre nel centro storico di Valdobbiadene il primo Wine Shop

Tra le novità dell’estate c’è l’apertura del nuovo punto vendita dell’azienda agricola Al Canevon dove sarà possibile degustare i loro vini accompagnati dalle specialità del territorio.

47Anno Domini: nuovo sito all’insegna del design e della fruibilità

La cantina trevigiana rinnova anche lo shop on line, per una rinnovata esperienza digitale 47 Anno Domini, la cantina trevigiana fra i leader nella produzione...

Con Ondulkart puoi valorizzare i tuoi eventi!

Ondulkart si mette a disposizione del cliente per supportarlo nella realizzazione di ambientazioni in cartone ondulato e non solo, con elementi di arredo, espositori, cartelloni, immagini e decorazioni, rispettando la riciclabilità e la sostenibilità dei materiali.