Franco Pacenti Canalicchio: bilancio positivo per la vendemmia 2018

Vendemmia terminata sotto il sole di un caldo settembre per l’azienda Franco Pacenti Canalicchio che, come ogni anno, ha coinvolto tutta la famiglia.

“Siamo molto soddisfatti – hanno commentato dall’azienda – nonostante un andamento climatico piuttosto instabile, la vendemmia si è svolta in condizioni ideali tra fine settembre ed inizio ottobre. L’inverno è stato rigido con abbondanti precipitazioni, anche nevose, che hanno permesso di ristabilire il deficit idrico del siccitoso 2017. Anche la primavera è stata piovosa, con temperature miti fino a luglio, che hanno ritardato il germogliamento e la fioritura, arrivando ad una completa invaiatura solamente ad agosto inoltrato. Il sole di settembre, le temperature che in alcuni giorni hanno superato i 30° e l’escursione termica tra il giorno e la notte, hanno giocato poi un ruolo fondamentale aumentando la concentrazione zuccherina e favorendo una maggiore ricchezza di aromi. Intorno alla metà settembre abbiamo provveduto ad eliminare i grappoli meno promettenti, lasciando alle uve perfette la possibilità di raggiungere la completa maturazione.”

È stata questa la carta vincente: soltanto le aziende che hanno saputo interpretare al meglio la stagione, con interventi di difesa tempestivi e mirati, e che sono riuscite a selezionare le uve durante le ultime fasi di maturazione, hanno raccolto frutti sani e di buona qualità.

Adesso in cantina si lavora freneticamente prestando particolare attenzione alle tecniche di vinificazione adeguate all’annata, in attesa del lungo invecchiamento in botte che attende il futuro Brunello 2018. Stay tuned!

 

Franco Pacenti – Canalicchio: the 2018 is a good wine harvesting year

Harvest ended under the hot sun of September for the company of Franco Pacenti Canalicchio which, like every year, involved the whole family.

“We are very satisfied – the company commented – even thought an unstable climatic trend, the harvest took place in ideal conditions between the end of September and the beginning of October. The winter was stiff with abundant rainfall, even snow, which allowed to restore the water deficit of the drought in 2017. Even the spring was rainy, with mild temperatures until July, which delayed the budding and flowering, coming to a complete ripening only in late of August. The sun of September, the temperatures that in some days have exceeded 30 ° and the temperature range between day and night, then played a fundamental role, increasing the concentration of sugar and favoring a greater wealth of aromas. Around mid September we proceeded to eliminate the less promising grapes, then leaving the perfect ones to the possibility of achieving the complete ripening”

It was this the trump card: only the companies that were able to interpret the season as the best as possible were able to select the grapes during the last stages of maturation, have collected healthy and good fruit quality.

Now in the cellar you work frenetically paying particular attention to the winemaking techniques appropriate to the vintage, waiting for the long aging in the barrel wich awaits the next Brunello of 2018. Stay tuned!

Related Posts

Ultimi Articoli