Vendemmia 2020, in Piemonte si prevede un aumento della produzione del 5%

Rispetto al 2019, la temperatura ha raggiunto livelli alti contribuendo ad una buona allegagione.

Dal punto di vista meteorologico le temperature hanno superato la media con piogge scarse a inizio anno che poi sono aumentate con qualche episodio di grandine nel mese di aprile. Rispetto al 2019, la temperatura ha raggiunto livelli alti contribuendo ad una buona allegagione.

Nella prima metà di giugno si sono manifestate una serie di piogge che hanno determinato infezioni di oidio manifestate nella seconda metà di giugno a seguito dell’allegagione. Si sono inoltre manifestate leggere infezioni di peronospora, ma sono state tenute sotto controllo.

Agosto si è caratterizzato per un innalzamento delle temperature che hanno superato i 35°C causando ustioni a carico dei grappoli, ma anche da violente precipitazioni localizzate soprattutto a Montecalvo e Santo Stefano Belbo.


Prendendo in considerazione le uve precoci Moscato bianco, Chardonnay, Pinot nero, Brachetto, la maturazione anche se partita in anticipo, ha subito una ricaduta a causa delle piogge di agosto per poi presentarsi in anticipo rispetto al 2019.
La vendemmia è anticipata rispetto alla media, la qualità delle uve si presenta buona e si prospetta una vendemmia di qualità con un livello produttivo in aumento del 5% rispetto allo scorso anno.

Related Posts

Ultimi Articoli