Nel territorio del Prosecco DOC il futuro si costruisce insieme

A Natale regala un’emozione con i vini di Al Canevon

Personalizza le tue bottiglie per le festività natalizie e non solo. Scopri in e-commerce i vini dell’azienda per festeggiare al meglio qualsiasi momento!

Azoto, produzione di vino e packaging alimentare: ecco cosa li lega

L’azoto interviene in più settori della filiera alimentare e nella produzione di vino. Un gas che oggi può essere autoprodotto dalla stessa cantina o azienda in modo facile e sicuro.

Data uscita nuova annata Chianti: il Consorzio chiede di anticipare a gennaio 2022

il Consorzio di Tutela Vino Chianti ha chiesto alla Regione Toscana di anticipare di due mesi la data di uscita della nuova annata.

Rincaro materie prime: anche nel mondo del vino si rivedono i listini

Il rincaro delle materie prime colpisce anche i produttori di vino: il mondo del vino chiede attenzione del governo in legge di bilancio Le aziende...

Master of Wine Symposium: in Germania nel 2023

Il decimo Master of Wine Symposium internazionale si svolgerà in Germania nel 2023, dopo la cancellazione dell'evento ad Adelaide, in Australia, che era stato programmato per il prossimo anno.

Tra i progetti di sostenibilità del Consorzio, rientrano anche quelli di ambito sociale all’interno del territorio: valore alle segnalazioni, implemento all’ascolto e strategie per coinvolgere tutte le comunità verso il futuro del territorio

Sostenibilità: un termine che per il Consorzio Prosecco DOC non riguarda solo la tutela dell’ambiente, ma abbraccia anche l’ambito sociale ed economico. Sì, perché i progetti messi in atto negli ultimi tempi sono mossi sia dall’obiettivo di ottimizzare le risorse e puntare su nuove tecnologie green, sia dall’interesse a rendere tutta la comunità protagonista di cambiamenti in positivo per il territorio, ascoltando, confrontandosi, capendo. Un grande ingranaggio che si muove solo se tutti i meccanismi funzionano all’unisono, che fanno sì che quella del Prosecco DOC possa dirsi davvero una denominazione sostenibile. A 360°.

Progetti di sostenibilità sociale nel territorio del Prosecco DOC

“Il progetto di Denominazione Sostenibile introduce un sistema di gestione per la sostenibilità sulla base dello Standard Equalitas lungo tutta la filiera. Lo fa abbracciando i tre pilastri della sostenibilità: ambientale, sociale ed economico” spiegano dal Consorzio.

Per quanto riguarda in particolare la dimensione sociale, ciò che il Consorzio sta facendo è avviare un “caso studio” in una zona di riferimento per poter poi allargare l’operato anche ad altri territori. Una decisione presa in virtù della notevole estensione della zona del Prosecco DOC e dell’eterogeneità degli interessi, per evitare di generalizzare, ma cercando di dare risposte il più possibile precise e vicine alla realtà dei fatti.

“In collaborazione con l’Università di Padova ed alcune figure specializzate – continuano dal Consorzio – abbiamo dato il via a un progetto che prevede le seguenti attività:

  1. Mappatura del contesto di sostenibilità sociale all’interno dell’area di riferimento
  2. Attivazione di un sistema di ascolto e facilitazione nella comunicazione con il territorio
  3. Analisi delle segnalazioni e loro valorizzazione
  4. Elaborazione di strategie e strumentiper il coinvolgimento dei portatori di interesse

Il progetto si pone come obiettivo lo sviluppo di strumenti utili alle aziende nell’implementazione di un sistema di gestione delle segnalazioni e di comunicazione con i propri dipendenti, i vicini e le comunità locali, permettendo l’attivazione di interazioni costruttive, per lo sviluppo delle relazioni di “buon vicinato”.

La digitalizzazione in aiuto alla sostenibilità, ambientale come sociale

Come accaduto per i progetti legati alla sostenibilità ambientali promossi dal Consorzio Prosecco DOC, anche per quello che riguarda il sociale è la digitalizzazione uno degli strumenti più importanti di cui servirsi. Se dall’altra parte parlavamo di nuove tecniche di remote sensing, qui invece l’attenzione si sposta su una gestione più veloce ed efficiente delle segnalazioni. 

“Considerate le complessità sopracitate, il Consorzio ha previsto un ulteriore passaggio: la digitalizzazione del sistema di gestione delle segnalazioni. Tale sistema dovrà garantire, nel rispetto dei requisiti di legge e di normativa della privacy, sia la gestione delle segnalazioni esterne (vicinato e comunità locale) che interne (lavoratori dipendenti). La digitalizzazione faciliterà l’adozione del sistema a livello aziendale. E ne permetterà l’implementazione su larga scala, connettendo la dimensione Consortile a quella aziendale ed ai vari portatori di interesse. Il tutto, con l’obiettivo di garantire infine un’analisi puntuale ed efficiente del contesto di sostenibilità sociale continuativa da cui possano derivare azioni di miglioramento”. 

Le pratiche di sostenibilità sociale cominciano dal lavoro

Se ciò che conta è creare un rapporto di collaborazione, ascolto e confronto tra aziende e comunità locali, non possono essere esclusi i lavoratori che, di quella comunità, sono una delle forze più importanti. “Il nostro obiettivo come Denominazione Sostenibile non è ottenere una certificazione. È dar vita a un cambiamento che porti a un miglioramento continuo di tutto il territorio, basato su azioni concrete e tangibili – continuano da Consorzio -. Il pilastro sociale non si limita al solo contesto di relazioni con il territorio e la comunità. Ma richiede anche l’adozione di un codice etico ed il rispetto di buone pratiche verso i lavoratori. Pensiamo ad esempio, alla crescita professionale, l’adozione di strumenti di welfare ed il monitoraggio del clima aziendale”.

“In questo ambito – concludono – il Consorzio si pone in primis come organizzazione-esempio nell’implementazione di tali pratiche. E parallelamente, sta strutturando un programma formativo di cultura della sostenibilità in quanto responsabilità sociale, volto a supportare un cambiamento in cui si sottolinea l’importanza dell’approccio etico-sociale, ambientale ed il relativo impatto economico.  

Related Posts

Ultimi Articoli

A Natale regala un’emozione con i vini di Al Canevon

Personalizza le tue bottiglie per le festività natalizie e non solo. Scopri in e-commerce i vini dell’azienda per festeggiare al meglio qualsiasi momento!

Ondulkart: trova la giusta misura per il tuo packaging natalizio

Lo Scatolificio Ondulkart realizza soluzioni sicure, personalizzabili ed eco-friendly, fondamentali per un packaging di qualità ed innovativo.

A Merano Wine Festival il Sannio celebra vino e cibo

Durante il Merano Wine Festival - la celebre rassegna altoatesina, andata in scena dal 5 al 9 novembre - il Sannio Consorzio Tutela Vini ha portato non solo le sue eccellenze vitivinicole, ma anche i piatti tipici del territorio.