Teorema Martignani: perchè l’utilizzo del nebulizzatore a carica elettrostatica conviene

A Natale regala un’emozione con i vini di Al Canevon

Personalizza le tue bottiglie per le festività natalizie e non solo. Scopri in e-commerce i vini dell’azienda per festeggiare al meglio qualsiasi momento!

Azoto, produzione di vino e packaging alimentare: ecco cosa li lega

L’azoto interviene in più settori della filiera alimentare e nella produzione di vino. Un gas che oggi può essere autoprodotto dalla stessa cantina o azienda in modo facile e sicuro.

Data uscita nuova annata Chianti: il Consorzio chiede di anticipare a gennaio 2022

il Consorzio di Tutela Vino Chianti ha chiesto alla Regione Toscana di anticipare di due mesi la data di uscita della nuova annata.

Rincaro materie prime: anche nel mondo del vino si rivedono i listini

Il rincaro delle materie prime colpisce anche i produttori di vino: il mondo del vino chiede attenzione del governo in legge di bilancio Le aziende...

Master of Wine Symposium: in Germania nel 2023

Il decimo Master of Wine Symposium internazionale si svolgerà in Germania nel 2023, dopo la cancellazione dell'evento ad Adelaide, in Australia, che era stato programmato per il prossimo anno.

23 anni fa la dimostrazione del Teorema Martignani che spiega come si ottiene un importante risparmio economico

Claudio Martignani, fondatore della Martignani Srl, ha dimostrato 23 anni fa un teorema matematico che serve a quantificare il risparmio economico, in manodopera e nell’uso di fitofarmaci con l’uso di un nebulizzatore Martignani a carica elettrostatica rispetto all’uso di un atomizzatore convenzionale.

Molto semplicemente il Teorema Martignani parte dall’ipotesi che ad un viticoltore siano stati venduti due atomizzatori convenzionali, mentre ad un altro viticoltore siano stati venduti due nebulizzatori Martignani ad un costo di 24000 euro.

Il Teorema dimostra con un chiaro esempio, che dopo poche stagioni di lavoro, l’investimento risulta invertito e grazie all’uso del nebulizzatore elettrostatico vengono evidenziati notevoli risparmi di manodopera, ore di trattore e uso di prodotto chimico.

Nello specifico, sei stagioni dopo l’acquisto del nebulizzatore Martignani, il viticoltore ha risparmiato:

  • 24.000 euro in fitofarmaci
  • 1.200 ore di manodopera
  • 1.200 ore di trattore

Nel giro di 5 – 7 anni, dipende dal numero di ettari, i produttori hanno ammortizzato l’investimento fatto per acquistare un Nebulizzatore Martignani e continuano a risparmiare acqua, manodopera, ore di trattore e uso di prodotto chimico.

I nebulizzatori Martignani sono gli unici a garantire omogeneità nella distribuzione e azzeramento quasi totale delle perdite per deriva.

Ad oggi si sono affermati presso le migliori aziende che coltivano frutta in più di 70 paesi nel mondo per la loro efficacia nei trattamenti e per i conseguenti utili che permettono di conseguire in seguito ai risparmi di acqua, fino al 90%; di tempo-manodopera, fino al 60-70%, di prodotto chimico, fino al 30% in caso di assenza della carica elettrostatica, ma fino al 50% con quest’ultima, senza nessun gocciolamento a terra, abbattendo anche il rischio delle perdite per deriva nell’aria.

Non di meno importanza, un altro effetto molto importante della carica elettrostatica, è senza dubbio il risultato che permette di ottenere rappresentato dall’assenza di residui chimici indesiderati sui raccolti: le microgocce polarizzate si depositano con totale uniformità senza il minimo accumulo di principio attivo.

 

 

 

Related Posts

Ultimi Articoli

A Natale regala un’emozione con i vini di Al Canevon

Personalizza le tue bottiglie per le festività natalizie e non solo. Scopri in e-commerce i vini dell’azienda per festeggiare al meglio qualsiasi momento!

Ondulkart: trova la giusta misura per il tuo packaging natalizio

Lo Scatolificio Ondulkart realizza soluzioni sicure, personalizzabili ed eco-friendly, fondamentali per un packaging di qualità ed innovativo.

A Merano Wine Festival il Sannio celebra vino e cibo

Durante il Merano Wine Festival - la celebre rassegna altoatesina, andata in scena dal 5 al 9 novembre - il Sannio Consorzio Tutela Vini ha portato non solo le sue eccellenze vitivinicole, ma anche i piatti tipici del territorio.