Regno Unito: arriva il novello prodotto dagli inglesi

Dai vigneti oltremanica al mercato enoico, il primo Novello Made in UK

Per la prima volta sul mercato enoico spunta un Novello prodotto nel Regno Unito. Si tratta di una produzione d’oltremanica del beaujolais che, contemporaneamente al nouveau francese, debutterà domani giovedì 19 novembre. All’olfatto si denotano gli aromi di “ciliegia, mora, mirtillo rosso”, ma anche frutti esotici, per un vino rosso “da non prendere troppo sul serio”, dice ad Agence France-Press Simon Day, enologo di Ledbury. È un vino “per divertirsi”, nell’oscurità ambientale, la pandemia del nuovo coronavirus, un “piccolo raggio di sole” per “concludere l’anno”.

L’enologo britannico ricorda che, alla fine degli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80, i commercianti di vino inglesi facevano a gara per essere i primi a riportare il Beaujolais Nouveau, direttamente dai produttori francesi, viaggiando “il più rapidamente possibile” nelle loro auto sportive, piene di casse di vino. “Era un grande evento”. Da qui l’idea di avviare una produzione in proprio. Questo vignaiolo è il primo a produrre Novello nel Regno Unito: l’intera gamma, circa 2500 bottiglie, sarà venduta in una catena della grande distribuzione, Waitrose, a circa 13 euro. Un valore molto più alto dello stesso Beaujolais Nouveau che va sugli scaffali britannici a un prezzo che oscilla dai cinque ai dieci euro.

La Gran Bretagna annovera nel 2019 circa 3500 ettari di vigne, una superficie vitata che si è quadruplicata a partire dal Duemila ed è aumentata del 150% in 10 anni, secondo l’organizzazione Wine Gb. L’isola conta 770 vignaioli.

Related Posts

Ultimi Articoli