Quando il vino incontra il golf

Sarà il Lugana Doc il vino ufficiale dell’Open d’Italia di Golf, in programma dal 22 al 25 ottobre sulle sponde del lago di Garda

Un’eccellenza della tradizione italiana – il vino, ovviamente – insieme a uno sport che si fa sempre più strada nel nostro Paese, con ben 90.229 tesserati e alcuni dei Green più prestigiosi a livello internazionale. Sulle sponde del lago di Garda è il momento dell’Open d’Italia, con il Lugana Doc vino ufficiale della manifestazione.

Si tratta della 77° edizione che per la prima volta in assoluto, debutterà sul percorso dello Chervò Golf San Vigilio Hotel SPA Resort di Pozzolengo, uno dei 5 comuni della DOC gardesana. Saranno in gara molti dei protagonisti dell’European Tour (il massimo circuito di golf continentale) che si contenderanno il montepremi da un milione di euro sfidandosi su quattro giri da 18 buche ciascuno.

“Insistiamo su un’area relativamente piccola ma che non ha eguali per densità di opportunità di svago, sportive e culturali, con realtà di eccellenza che hanno contribuito a rendere il Garda una delle regioni enoturistiche più attrattive in Italia – afferma Ettore Nicoletto, Presidente del Consorzio di Tutela e grande appassionato di golf -. La collaborazione del Consorzio con il territorio è costante ed è uno degli elementi che più lo rafforzano. Non potevamo certo mancare un appuntamento internazionale di questo rilievo, che oltretutto si rivolge ad una platea di potenziali e già affezionati amanti del vino”.

Il connubio fra golf e grandi vini – continua il Consorzio in una nota – non è nuovo a livello internazionale. Il golf infatti meglio di altre discipline, incarna i valori della qualità della vita, richiede pazienza, perseveranza e dedizione, elementi che lo accomunano alle produzioni enologiche di maggior pregio.

Related Posts

Ultimi Articoli