Prosecco: mercato in crescita ma nessun nuovo impianto nell’area Docg

A Natale regala un’emozione con i vini di Al Canevon

Personalizza le tue bottiglie per le festività natalizie e non solo. Scopri in e-commerce i vini dell’azienda per festeggiare al meglio qualsiasi momento!

Azoto, produzione di vino e packaging alimentare: ecco cosa li lega

L’azoto interviene in più settori della filiera alimentare e nella produzione di vino. Un gas che oggi può essere autoprodotto dalla stessa cantina o azienda in modo facile e sicuro.

Data uscita nuova annata Chianti: il Consorzio chiede di anticipare a gennaio 2022

il Consorzio di Tutela Vino Chianti ha chiesto alla Regione Toscana di anticipare di due mesi la data di uscita della nuova annata.

Rincaro materie prime: anche nel mondo del vino si rivedono i listini

Il rincaro delle materie prime colpisce anche i produttori di vino: il mondo del vino chiede attenzione del governo in legge di bilancio Le aziende...

Master of Wine Symposium: in Germania nel 2023

Il decimo Master of Wine Symposium internazionale si svolgerà in Germania nel 2023, dopo la cancellazione dell'evento ad Adelaide, in Australia, che era stato programmato per il prossimo anno.

Il Prosecco punta alla qualità, anche a discapito della quantità, per entrare nel gotha dell’enologia mondiale. Per questo non sono previsti nuovi impianti nell’area Docg, che si concentra totalmente sul valore del prodotto.

“La sfida – spiega Innocente Nardi, del Consorzio di Tutela Docg – è far capire a chi compra una bottiglia del nostro vino cosa c’è dentro. Puntiamo a far rimanere i viticoltori in collina permettendo loro di produrre un vino autentico, artigianale, culturale, storico, il nostro obiettivo è quello di arrivare ai livelli dello Champagne”.

Chi si apre, anche se relativamente, ad aumenti di produzione, è invece il Consorzio Doc, dove per i prossimi tre anni è previsto un aumento di 1200 ettari l’anno. Ampliamenti che però saranno concessi solo sulla base di criteri rigidi, con un meccanismo che limita l’accesso ai grandi produttori e con l’obiettivo di soddisfare la domanda che si sta facendo sempre più forte.

“Abbiamo deciso il blocco degli impianti nel 2011 – spiega il presidente del Consorzio di Tutela del Prosecco Doc, Stefano Zanette – proprio per contenere e regolare la produzione ed evitare che ci fosse una deregolamentazione del valore. Ora però il mercato continua a crescere più della produzione. Per questa ragione abbiamo deciso di concedere piccoli aumenti di produzione, circa il 5 per cento.”

A ogni produttore quindi verranno concessi massimo tre ettari, favorendo i giovani, chi garantisce la produzione bio e chi pianta alberi e siepi per tutelare la biodiversità e il rispetto del paesaggio.

Related Posts

Ultimi Articoli

A Natale regala un’emozione con i vini di Al Canevon

Personalizza le tue bottiglie per le festività natalizie e non solo. Scopri in e-commerce i vini dell’azienda per festeggiare al meglio qualsiasi momento!

Ondulkart: trova la giusta misura per il tuo packaging natalizio

Lo Scatolificio Ondulkart realizza soluzioni sicure, personalizzabili ed eco-friendly, fondamentali per un packaging di qualità ed innovativo.

A Merano Wine Festival il Sannio celebra vino e cibo

Durante il Merano Wine Festival - la celebre rassegna altoatesina, andata in scena dal 5 al 9 novembre - il Sannio Consorzio Tutela Vini ha portato non solo le sue eccellenze vitivinicole, ma anche i piatti tipici del territorio.