Notizie d’Oltralpe: in Alsazia si preannuncia un’ottima vendemmia

La regione più verde di Francia guarda con ottimismo alla vendemmia: una raccolta che quest’anno, causa inverno particolarmente mite, si annuncia precoce

Dopo le cattive notizie arrivate da Washington che non hanno di certo fatto sorridere il vino francese – sui dazi USA e la Francia abbiamo parlato qui – i vignaioli d’Oltralpe si preparano alla vendemmia. Una raccolta che si preannuncia buona, soprattutto in Alsazia dove, rispetto agli anni scorsi, si comincia a lavorare tra i filari in anticipo.

La causa di questa vendemmia precoce è da ricercare nelle temperature eccezionalmente miti dell’inverno 2020: le previsioni clementi in uscita dal periodo invernale hanno permesso una fioritura anticipata osservata intorno al 10 aprile per il Riesling sul sito di riferimento di Bergheim. Altro aspetto positivo sono state indubbiamente le condizioni climatiche fresche di inizio giugno, che hanno procrastinato uno sviluppo rapido della vigna, allungando così il periodo di fioritura.
 
I vignaioli alsaziani possono dunque brindare alle previsioni di un’ottima annata, dopo i buoni risultati raggiunti con l’annata 2019 – la cui qualità è stata abbondantemente elogiata dai professionisti.
 
Non bisogna dimenticare che l’Alsazia rappresenta un’eccellenza del vino francese, ma anche la detentrice del record per regione più verde del Paese. I numeri parlano chiaro: il 10% delle superfici sono trattate con confusione sessuale (tecnica che sopprima il ricorso agli insetticidi), il 25% delle superfici certificate BIO alle quali si aggiunge un  50% in via di certificazione Haute Valeur Environnementale livello 3.
 

Related Posts

Ultimi Articoli