Decanter: sì o no?

Sostenibilità al centro dell’attenzione nel mondo del vino: nasce Sustainable Wine Roundtable

Si chiama Sustainable Wine Roundtable (SWR) ed è una coalizione unica composta da oltre 40 membri tra grandi e piccoli produttori, distributori, rivenditori, organizzazioni ambientaliste e...

Vinòforum 2021

Roma, il successo di Vinòforum 2021 ed il week end di chiusura in grande stile Fine settimana conclusivo della rassegna Vinòforum 2021 che ha risportato...

Come nascono le bollicine? Differenze tra metodo classico e metodo charmat

Se vi è mai capitato di visitare una cantina che produce Prosecco e un'altra, che, ad esempio, si trova in Franciacorta, vi sarete sicuramente...

Cosmofood: torna a novembre l’ottava edizione

Italian Exhibition Group ha annunciato che dal 6 al 10 novembre si terrà il Cosmofood. La fiera di riferimento per il Food&Beverage del Triveneto avrà luogo a Vicenza.

E Bike Tour nel Montecucco: due giorni tra aziende agricole, boschi e vigneti

Influencer e giornalisti sono accorsi per l'e bike tour nel Montecucco La scorsa settimana il Consorzio del Montecucco ha organizzato una due giorni di tour...

Oggetto spesso di design, sulla tavola si vede di rado e suscita grande curiosità: ecco a cosa serve il decanter

Il decanter ha una lunga storia alle spalle e sul mercato si trova delle forme più disparate. Il suo utilizzo è controverso: c’è chi lo trova completamente inutile e chi lo considera fondamentale in alcune situazioni.

Ne abbiamo parlato con Antonella d’Isanto, etiquette coach, formatrice e docente a corsi di galateo e accoglienza per valorizzare relazioni e business. Da lei abbiamo già accolto i consigli circa l’utilizzo della coppa di champagne e dei calici migliori per il vino.

Antonella, come nasce il decanter e qual è il suo utilizzo?

Il decanter è un contenitore speciale di cristallo o di vetro, usualmente a forma di ampolla, ma  può avere forme  variegate. Il mercato dei produttori ha dato il meglio di sè in forme fantasiose, suggestive, eclettiche, ce ne sono per tutti i gusti anche come oggetto di arredo per la tavola.

   La sua funzione è  decantare, cioè  ossigenare velocemente il vino   in modo   controllato in  quanto, a contatto con l’aria, la reazione delle molecole è di unirsi  rapidamente con l’ossigeno in modo che il vino sviluppi al meglio il proprio bouquet aromatico. 

Per i vini  rossi invecchiati è utile  per separare gli eventuali  sedimenti, infatti la formazione di residui all’interno della bottiglia potrebbero  alterare l’assaggio e comprometterne il gusto. 

 E’ preferibile un decanter in cristallo, è più costoso ma  pregiato; il cristallo  è il  materiale perfetto, leggero, resistente e, a differenza del vetro,  non poroso e non foriero di effetti sul vino e sulle sue caratteristiche organolettiche.

Perchè il decanter ha questa fama di oggetto assolutamente snob?

In effetti ci sono estimatori e detrattori di questo oggetto. Li vediamo alcune  volte sulle tavole dei ristoranti dove il sommelier o  il cameriere  si  cimentano   in un  rito  di grande suggestione.

Decantare il  vino è un’arte e ha una bella scenografia. 

Per i vini vecchi, mentre si versa il vino nel decanter, dietro la bottiglia si usa mettere   una fonte  di luce, magari una candela che serve a far vedere gli eventuali depositi che si avvicinano al collo della bottiglia.

E’ un oggetto  particolarmente amato dagli americani e dagli asiatici, che spesso nei nostri ristoranti si fanno decantare anche dei vini che forse  non meriterebbero tali cure.

Averlo a tavola fa chic e il vino che c’è dentro acquista improvvisamente regalità! 

Questo però non autorizza a ritenere il decanter un oggetto superato o scenografico, ci sono situazioni dalle quale non si  può prescindere dal suo utilizzo. 

Quali sono le situazioni in cui non si può prescindere dall’utilizzo del decanter?

Io  lo uso  in maniera parsimoniosa in quanto non tutti i  vini  necessitano di essere decantati. Pertanto, se decido di servire un vino maturo,  curo di portare la bottiglia dalla cantina in casa già dal giorno prima, la pongo in posizione in verticale per far depositare eventuali sedimenti sul fondo.

In questo caso, se ci fossero, non è proprio possibile farne a meno del decanter: se  il vino ha dei sedimenti, dovuti al tempo,  questi  possono alterarne la limpidezza. Durante il servizio  succede, ad alzare varie volte la bottiglia,  che questi  si muovano, si disperdano in tutto il liquido e finiscano nel bicchiere. 

Un altro caso nel quale si  consiglia vivamente l’uso del decanter è quando si decide improvvisamente di aprire una importante bottiglia di vino: quando vuoi  gratificare  i tuoi   amici con una rarità d’annata gelosamente custodita in cantina,  decidi allora di immolare  questa chicca, sull’altare dell’amicizia e, per accelerare il processo di ossigenazione, mettere il nettare di Bacco in un  decanter, ampolla, caraffa, aiuta a ossigenarlo  velocemente per esprimersi al meglio.

Come si versa il vino?

Al momento del servizio  si  toglie  la capsula,  si pulisce la baga del  collo della bottiglia, si   stappa con molta cura, preferibilmente usando un tiratappi professionale (a doppia leva con la spirale sottile teflonata).

 Per i vini rossi maturi si versa il vino nel decanter, senza fare movimenti bruschi, senza farlo gorgogliare e ponendo  dietro la bottiglia  una fonte di luce in modo da poter vedere in controluce,  l’eventuale arrivo sul finale dei sedimenti e  quindi smettere di versare. 

Diversa è  la decantazione di  un grande vino rosso giovane,  ancora molto molto tannico: si consiglia  di decantarlo senza molta cura, versarlo  nel contenitore  a scroscio, così si implementa l’ossigenazione,  i tannini  si ammorbidiranno e il vostro palato vi ringrazierà. 

Ricordate: non si decantano i vini bianchi né gli spumanti, rosati, i rossi giovani, con la sola eccezione di  un grande vino rosso giovane.

Antonella D'isanto decanter

Chi è Antonella D’Isanto

Cuore siciliano, ironia toscana, animo inquieto. Antonella d’Isanto è nata in Sicilia e non ha mai dimenticato la sua terra e la rigida educazione della nonna che le ha insegnato  il piacere per la lettura, la cucina, la bella biancheria ricamata, l’ospitalità, il gioco delle carte e a bere  il vino del suo piccolo vigneto. Laureata in Sociologia a Urbino, vive a Firenze e il suo animo inquieto, appassionato e ricco di interessi,  l’ha trasformata da consulente del lavoro a proprietaria dell’azienda vitivinicola I Balzini,  l’azienda familiare  fondata dal marito e adesso condotta dalla figlia Diana. Antonella oggi è etiquette coach, formatrice e docente a corsi di galateo e accoglienza per valorizzare relazioni e business. Cura il blog www.tempidirecupero.eu

Related Posts

Ultimi Articoli

Punta sulla qualità del servizio del vino a bicchiere con Winebar 8.0

Per chi lavora in enoteca o nel settore Horeca, mantenere alta la qualità del servizio del vino a bicchiere è fondamentale: Eurocave presenta Winebar 8.0.

47 Anno Domini: il Prosecco Rosè Doc perfetto per il buon pesce affumicato

Lo spumante rosato della cantina trevigiana si distingue per profumi, abbinamenti e packaging Sono bollicine sorprendenti quelle del Prosecco Rosé Doc Spumante Bio Vegan di...

La sfida di Ondulkart passa per la sostenibilità!

Ondulkart sa che quando si tratta di wine packaging non è più soltanto una questione di design. Ma per stare al passo con i tempi è necessario adottare una filosofia “eco-sostenibile”.