Il vino biodinamico e la terracotta

Cantine Bike Friendly, le cantine della provincia di Siena quest’estate accolgono i ciclisti

Pedalare tra i vigneti della Toscana e essere accolti in una delle tante cantine sparse in provincia di Siena. È Cantine Bike Friendly.

Previsioni vendemmia 2021 in Sicilia: “finora annata ideale”

La presentazione dei dati sull'annata 2020 del vino siciliano è stato anche l'occasione di riflettere sulle previsioni per la vendemmia 2021 in Sicilia. Manca poco,...

Arriva Whisky Week, il festival sul lago di Como

Appuntamento il 28 e il 29 agosto a Villa Parravicini Revel sul Lago di Como per la prima edizione del Whisky Week.

Degustazione dell’olio: consigli utili per non sbagliare

Amaro, piccante, rancido, avvinato: la degustazione dell’olio si basa su olfatto e gusto La degustazione dell’olio, così come quella del vino, è un’arte complessa e...

Flessibilità OCM Vino: conto alla rovescia per l’approvazione del decreto Mipaaf

Richiesto dagli addetti ai lavori, il decreto sulla Flessibilità Ocm Vino prevede le varianti dei programmi per far fronte ai cambiamenti generati dalla pandemia...

Il I congresso internazionale dedicato alle esperienze di vinificazione in anfora, nella fornace di Artenova all’Impruneta, (Toscana), il 22 e 23 novembre

Foto di Artenova
Foto di Artenova

Il binomio tra vino e terracotta ha origini antiche, che risalgono alla Magna Grecia, ma la viticoltura contemporanea ha, da diversi anni, ricominciato a sperimentare questo materiale per la vinificazione. Le anfore della Georgia sono le più diffuse ma il distretto del cotto imprunetino, in Toscana, ha trovato il modo di rispondere a un’esigenza evidentemente in crescita, grazie alla fornace di Artenova, azienda a conduzione familiare di Leonardo Parisi, la prima in Italia che ha iniziato a sperimentare la produzione di giare per la vinificazione. I vantaggi nell’usare questo materiale naturale per la vinificazione, sono il controllo delle temperature, soprattutto se le anfore vengono interrate, una migliore ossigenazione e soprattutto una minore caratterizzazione olfattiva rispetto al legno. Inoltre, una scelta di vinificazione che spesso viene fatta in concomitanza all’uso delle anfore, sono le lunghe macerazioni, che permettono un uso inferiore di solforosa. Questi motivi fanno sì che molte delle aziende che si avvicinano a questo tipo di sperimentazione siano biologiche o biodinamiche, in virtù proprio di una ricerca di maggiore naturalità e di maggiore potenzialità espressiva del vitigno.
Grande attenzione alla viticoltura naturale verrà, quindi, data nel corso delle due giornate con una degustazione guidata da Adriano Zago, agronomo ed enologo esperto di biodinamica, sabato 22 alle ore 15. Verranno confrontati gli stili di 4 aziende biodinamiche, ognuna delle quali presenterà 2 vini della stessa annata e della stessa varietà, di cui uno è stato vinificato e conservato in anfora fino all’imbottigliamento.

Per info:

http://giare.terracotta-artenova.com/la-terracotta-e-il-vino-il-programma/

Related Posts

Ultimi Articoli

Al Canevon apre nel centro storico di Valdobbiadene il primo Wine Shop

Tra le novità dell’estate c’è l’apertura del nuovo punto vendita dell’azienda agricola Al Canevon dove sarà possibile degustare i loro vini accompagnati dalle specialità del territorio.

47Anno Domini: nuovo sito all’insegna del design e della fruibilità

La cantina trevigiana rinnova anche lo shop on line, per una rinnovata esperienza digitale 47 Anno Domini, la cantina trevigiana fra i leader nella produzione...

Con Ondulkart puoi valorizzare i tuoi eventi!

Ondulkart si mette a disposizione del cliente per supportarlo nella realizzazione di ambientazioni in cartone ondulato e non solo, con elementi di arredo, espositori, cartelloni, immagini e decorazioni, rispettando la riciclabilità e la sostenibilità dei materiali.