Dazi Usa: la soddisfazione dei Consorzi toscani

Sostenibilità al centro dell’attenzione nel mondo del vino: nasce Sustainable Wine Roundtable

Si chiama Sustainable Wine Roundtable (SWR) ed è una coalizione unica composta da oltre 40 membri tra grandi e piccoli produttori, distributori, rivenditori, organizzazioni ambientaliste e...

Vinòforum 2021

Roma, il successo di Vinòforum 2021 ed il week end di chiusura in grande stile Fine settimana conclusivo della rassegna Vinòforum 2021 che ha risportato...

Come nascono le bollicine? Differenze tra metodo classico e metodo charmat

Se vi è mai capitato di visitare una cantina che produce Prosecco e un'altra, che, ad esempio, si trova in Franciacorta, vi sarete sicuramente...

Cosmofood: torna a novembre l’ottava edizione

Italian Exhibition Group ha annunciato che dal 6 al 10 novembre si terrà il Cosmofood. La fiera di riferimento per il Food&Beverage del Triveneto avrà luogo a Vicenza.

E Bike Tour nel Montecucco: due giorni tra aziende agricole, boschi e vigneti

Influencer e giornalisti sono accorsi per l'e bike tour nel Montecucco La scorsa settimana il Consorzio del Montecucco ha organizzato una due giorni di tour...

Niente dazi per i vini italiani in Usa: ecco l’esito della decisione del Governo americano nella revisione dei dazi a carosello sui prodotti europei, introdotti già ad ottobre 2019.

Una decisione attesa che lascia intatto lo “status quo”sia sul fronte dei vini, e quindi con i dazi al 25% che colpiscono alcune produzioni di Francia, Germania, Spagna, per esempio, che sul resto dell’agroalimentare made in Italy e made in Ue.

“Il vino italiano che si salva dal nuovo round dei dazi aggiuntivi Usa è certamente una gran bella notizia per tutto il Belpaese enologico e in particolare per Montalcino. Gli Stati Uniti non sono solo il principale mercato di sbocco al mondo per il Brunello con un’incidenza del 30% sulle esportazioni globali, ma anche uno dei simboli del made in Italy oltreoceano”. Lo ha detto oggi il presidente del Consorzio del vino Brunello di Montalcino, Fabrizio Bindocci, a commento della decisione sul rinnovo dei dazi voluti dal rappresentante del Commercio americano (Ustr) nell’ambito dell’indagine Airbus.

“Come Consorzio – ha aggiunto Bindocci – esprimiamo apprezzamento per il ruolo svolto dalla nostra diplomazia, dal Governo e dalle organizzazioni di settore per il risultato raggiunto. Un punto di ripartenza che mai come ora dovrà essere sostenuto con un’azione forte di promozione e presenza del nostro vino nel suo principale sbocco naturale”.

“E’ un’ottima notizia – afferma Giovanni Busi, presidente del Consorzio – visto che il mercato statunitense per noi è il primo mercato di esportazione. In un momento come questo non avere aumenti di costi da parte degli importatori per noi è un’ottima cosa, che ci permette di riprendere l’attività commerciale per farla tornare ai livelli pre-Covid: abbiamo tutte le possibilità per poter ripartire, nel momento in cui l’America riapre i mercati al 100%. Gli Usa hanno continuato ad acquistare: ci è mancato un po’ il canale Horeca, ma il Chianti è un vino molto presente nella grande distribuzione americana, per cui non ci sono state grandi flessioni”.

Related Posts

Ultimi Articoli

Punta sulla qualità del servizio del vino a bicchiere con Winebar 8.0

Per chi lavora in enoteca o nel settore Horeca, mantenere alta la qualità del servizio del vino a bicchiere è fondamentale: Eurocave presenta Winebar 8.0.

47 Anno Domini: il Prosecco Rosè Doc perfetto per il buon pesce affumicato

Lo spumante rosato della cantina trevigiana si distingue per profumi, abbinamenti e packaging Sono bollicine sorprendenti quelle del Prosecco Rosé Doc Spumante Bio Vegan di...

La sfida di Ondulkart passa per la sostenibilità!

Ondulkart sa che quando si tratta di wine packaging non è più soltanto una questione di design. Ma per stare al passo con i tempi è necessario adottare una filosofia “eco-sostenibile”.