CRESCE IL VALORE DEI VIGNETI ITALIANI NEI TERRITORI STORICI E DI MAGGIOR SUCCESSO SUI MERCATI

Secondo i risultati di una recente indagine condotta da WineNews, la crescita del valore dei vigneti delle denominazioni più prestigiose del vino italiano ha raggiunto livelli mai toccati.
In alcuni territori le valutazioni stanno diventando inaccessibili per chi fa progetti esclusivamente legati al vino, con il conseguente interessamento di imprese, gruppi assicurativi e finanziari e fondi di investimento.
Il valore dei vigneti è strettamente legato a quello che il vino ha sul mercato, dunque, in un panorama variegato come quello italiano, troviamo territori le cui quotazioni crescono e altri dove la tendenza è opposta. Dall’analisi risulta infatti che le regioni dove le quotazioni sono più alte sono quelle in cui la domanda sul prodotto finale è più forte: in Toscana un ettaro di vigneto a Brunello oscilla tra i 450.000 e i 500.000 euro, in Piemonte un ettaro a Barolo da 1 a 1,5 milioni di euro, in Veneto i vigneti coltivati ad Amarone sono quotati sui 400.000 euro, ma il successo del Prosecco sui mercati mondiali ha portato anche quelli della zona a incrementare il proprio valore. In Alto Adige, per le particolari condizioni in cui sono coltivate le viti, un ettaro a vigneto si aggira sui 400.000 euro mentre a Franciacorta si possono avere delle valutazioni che sfiorano i 350.000 euro.
Le quotazioni hanno ovviamente un valore indicativo nel quale va tenuto conto di moltissime variabili, non solo agronomiche, ma anche legate al territorio, all’età dei vigneti impiantati e soprattutto all’appartenenza a determinate denominazioni.

Related Posts

Ultimi Articoli