Cibus ti aspetta a Parma dal 9 al 12 maggio 2016

Al Salone Internazionale dell’Alimentazione si parla di innovazione

Non_Solo_Vino_News_Innovation2Innovazione. La chiave del successo dell’agroalimentare italiano (export al +8% nel 2015, per un valore di 36,9 miliardi) è tutta qui; solo grazie a prodotti innovativi, ma forti di una immensa tradizione come quella nostrana, è possibile dominare il mercato internazionale. Ma l’obiettivo fissato dal governo prevede il raggiungimento della soglia di 50 miliardi di export entro il 2020.

Prodotti innovativi. Alla diciottesima edizione di CIBUS, il Salone Internazionale dell’Alimentazione in programma a Parma dal 9 al 12 maggio (scopri di più qui), saranno molti i convegni e le presentazioni dedicate ad indicare la strada dell’innovazione. Noi vi forniamo di seguito una chiave di lettura dell’evento parmense tutta incentrata su cosa ci riserverà il domani dell’agroalimentare italiano.

Fra gli eventi che hanno il nuovo e il domani al centro delle discussioni primeggia “Made In Future: food & beverage italiano tra innovazione e tradizione”, l’Assemblea Pubblica di Federalimentare nella quale si parlerà di imprese e imprenditori italiani d’avanguardia. Segue un workshop incentrato su un tema fortemente attuale, l’educazione alimentare: “Scuola e azienda insieme per un’educazione alimentare certificata” sarà un dibattito su ciò che riserva il futuro dell’approfondimento scolastico sull’alimentazione.

Sulla stessa lunghezza d’onda è “Alimentazione 3.0. Il futuro del food”, evento-analisi con agganci giuridici e scientifici sulle nuove frontiere della tossicologia applicata all’industria alimentare.

I centri della ricerca universitaria sono direttamente chiamati in causa nel concorso “Eco-Trophelia Italia”, un concorso per l’innovazione ecosostenibile. Le due facoltà concorrenti, la facoltà di Scienze dell’alimentazione e della nutrizione umana del Campus Biomedico di Roma e il dipartimento di Scienze agrarie, forestali ed alimentari dell’Università degli studi di Torino, presenteranno prodotti ottenuti da materie di scarto.

Chiude la rassegna parmense “Pianeta nutrizione. Alimenti: miti e controversie”, un focus su glutine e lipidi nel quale questi due elementi nutrizionali, alla base di molte ricerche attuali, saranno vagliati secondo un approccio critico. La domanda di partenza è “Qual è la validità scientifica delle teorie formulate a proposito di intolleranza alimentare?”.

Per scoprire il terreno ancora vergine dell’innovazione alimentare e raggiungere l’obiettivo dell’export a 50 miliardi, CIBUS 2016 si pone quale grande occasione per tutti gli addetti ai lavori.

Related Posts

Ultimi Articoli