California: aumenta la domanda di vino prodotto in modo sostenibile

Il focus di MiBD Analytics evidenzia la crescente domanda di “sostenibilità” del vino. Tra le regioni presenti nelle wine list di California ci sono Piemonte, Toscana e Veneto.

Il mondo del vino ha intrapreso un percorso di sviluppo profondamente caratterizzato dalla sostenibilità. Un approccio che si fonda su una visione olistica dell’impresa all’interno della società e dell’ecosistema, e che promuove la sostenibilità ambientale del vino quale elemento essenziale di eccellenza qualitativa e di competitività delle produzioni sui mercati.

Il mercato del consumo si mostra tutt’altro che digiuno di queste tematiche e ha iniziato, anzi, a manifestare chiare aspettative su tematiche ambientali e sociali premiando le produzioni dal carattere sostenibile. È il caso, ad esempio, degli Stati Uniti, dove a crescere è stata proprio la domanda del vino prodotto in modo sostenibile.

A dirlo, una recente analisi di MiBD Analytics, dalla quale risulta come 9 consumatori su 10 affermino di essere disposti a spendere di più per una bottiglia di vino che sia prodotta nel rispetto dell’ambiente. Tra i consumatori, sono soprattutto i più giovani ad essere coinvolti sul tema della sostenibilità e si dicono inclini a spendere in media 3 dollari a bottiglia in più per un vino “sostenibile”.

Secondo le analisi, chi compra, è alla ricerca di modi semplici per trovare e identificare vini prodotti in modo sostenibile, tramite segnali visivi chiari di una certificazione che dia al prodotto trasparenza e rassicurazione sulle modalità di produzione.

Ebbene, secondo i dati pubblicati da MiBD Analytics, che ha preso in considerazione la provenienza geografica dei vini più consumati nei liquor store di California, ad essere premiate sono anche e soprattutto le grandi produzioni italiane. Se al primo posto della classifica dei consumi statunitensi troviamo i vini dello Stato della California – che è l’area vinicola principale degli Usa – sul podio, già alla terza posizione, c’è infatti il Piemonteseguito dalle tante e diverse Igt del vino made in Italy che occupano il quarto posto in classifica.

Ancora: alla posizione n. 6 c’è la Toscana del Brunello di Montalcino e del Chianti Classico solo per fare alcuni esempi e, tra i primi 15 territori di origine, al n. 13, è presente anche il Veneto. Una presenza rilevante, quella del Bel Paese, in una California che rappresenta un mercato avanzato e maturo del vino a livello mondiale. 

Related Posts

Ultimi Articoli