Agrichianti, da 38 anni a fianco dei produttori di vino

Da tre generazioni al servizio dei viticoltori: scopri i servizi di Agrichianti

Nel cuore della Toscana, tra le colline del Chianti, non ci sono solo produttori di vino, ma c’è anche chi si mette a disposizione per migliorare il lavoro quotidiano dei viticoltori. E’ quello che fa da cinquant’anni Agrichianti, azienda di movimento terra a Radda in Chianti specializzata nella progettazione e realizzazione di vigneti e oliveti.

“La nostra attività – raccontano Valerio e Nicola Fronti – è iniziata quando il nonno, contadino mezzadro e boscaiolo comprò una delle prime motofalciatrici della zona per lavorare come terzista per le aziende del territorio. Nel 1969 decise di mettersi in proprio e comprò una ruspa, un retro escavatore e successivamente il primo escavatore girevole e assieme ai figli Fabio e Stefano, nel 1985, fondarono Agrichianti. Negli ultimi trentotto anni l’azienda è cresciuta sempre più e oggi siamo alla terza generazione. Siamo specializzati nella realizzazione di vigneti e oliveti, in tutta la Toscana ma anche in Umbria, Lazio, Emilia-Romagna, Liguria e dove ci viene data occasione di lavorare. Dal 1985 l’azienda ha goduto di una crescita continua, con una ventina di escavatoristi e 40-50 persone impegnate nel lavoro manuale, a seconda della stagione”.

I principali servizi offerti da Agrichianti

  • Scasso: viene effettuato in periodi di tempo lunghi ed ha lo scopo di dissodare ed ammorbidire il terreno per agevolare lo sviluppo radicale delle piante.La lavorazione avviene ad una profondità di circa 1-1.20 metri e può essere effettuata in più metodi, tra cui: rippatura e scasso con escavatore. La ripittura è una lavorazione effetuata con un organo lavorante chiamato ripper, normalmente portato da un dozer. Il ripper entrando nel suolo, lo rompe e lo dissoda senza alterare il profilo pedologico.Spesso si effettuano più passaggi incrociati per rompere il più possibile il terreno. Lo scasso con escavatore, invece, è una lavorazione eseguita con escavatori che, tramite la benna, rompomo il suolo e lo girano. Normalmente avviene in due fasi; la prima di dissodamento tramite una macchina più grossa che rompe il terreno ammorbidendolo, la secondo di vagliatura che, tramite un escavatore dotato di benna grigliata vaglia il suolo separando i sassi più grossi e affina il terreno. Questa lavorazione è forse la più completa di tutte e la più duratura.
  • Impianti oliveto e vigneto: la piantagione è la fase di messa a dimora delle barbatelle di vite nel terreno. Si tratta di una fase molto delicata perchè la barbatella al momento della sua messa a dimora, deve avere tutte le condizioni favorevoli per potersi sviluppare: terreno, umidità, fertilità.
  • Sistemazione idrauliche e agrarie
  • Recinti 

Agrichianti oggi guarda al futuro. Ma quali sono i progetti in un settore così importante?

“Di sicuro – afferma Fronti – migliorare sempre più. Oggi, però, a fronte di tanto lavoro da fare, non è facile reperire manodopera, sia fra gli escavatoristi che fra chi lavora a terra. Se i clienti vecchi e nuovi continuano a chiamarci, vuol dire che lavoriamo bene e che la direzione intrapresa è quella giusta”.

Related Posts

Ultimi Articoli