Abruzzo, tutti tra i filari con Cantine Aperte in Vendemmia

Nel rispetto delle normative in vigore, anche quest’anno torna la possibilità di partecipare alla “vendemmia didattica”, tra raccolta, pigiatura e la bellezza della natura

Vignaioli per un giorno, in uno dei periodi più belli dell’anno per le cantine. A fine settembre, in Abruzzo, torna l’appuntamento con “Cantine Aperte in Vendemmia”, evento che negli anni ha sempre riscosso grande successo tra winelover e famiglie.

“L’Abruzzo, grazie all’impegno dei vignaioli del Movimento Turismo del Vino, è stata una delle regioni di riferimento per questa attività didattica – sostiene con orgoglio Nicola D’Auria il Presidente del Movimento Turismo del Vino – Centinaia di famiglie nell’ultimo lustro si sono recate in cantina partecipando a delle entusiasmanti domeniche esperienziali dove alla raccolta e alla successiva pigiatura dei grappoli di Montepulciano vengono quasi sempre abbinati ricche colazioni e pranzi contadini, nonché il famoso “sdjiuno” abruzzese, l’impegnativa merenda di mezza mattinata.”

Negli ultimi anni, grazie anche all’approvazione del Decreto Enoturismo” – spiegano dal Movimento Turismo del Vino con una nota – è stato finalmente normato l’aspetto della “vendemmia didattica” diventata nel frattempo un vero e proprio fenomeno sociale. Ciò vale sopratutto per le famiglie, che trovano di grande interesse far trascorrere ai figli una giornata all’insegna della conoscenza delle tradizioni e contadine ma anche dell’apprendimento di rudimenti delle tecniche enologiche e agronomiche che interessano la vita di una cantina.

Si comincia, dunque, domenica 27 Settembre a Lanciano, in provincia di Chieti, per poi proseguire nelle de domeniche successive. Un itinerario affascinante, che toccherà tutte e tre le province enologicamente più rappresentative della regione.

Related Posts

Ultimi Articoli