Donne alla conquista dei fine wines e vini premium

I vini premiati a Sud Top Wine

Cerimonia conclusiva della terza edizione di Sud Top Wine che ripone il drappo con soddisfazione per il bel lavoro svolto nel panorama enoico del...

Tutti i Trend Food and Beverage del 2021

Drink senz'alcol, sostenibilità, soluzioni smart e costumization ecco tutti i trend del settore spirits e food del 2021.

Studio Tiendeo: Quali vini preferiscono gli italiani?

Secondo un studio condotto da Tiendeo.it, gli italiani preferiscono bere vino rosso e i consumatori predisposti a comprare online provengono dalla Lombardia.

Irriverenti, istruttivi e divertenti: i podcast sul vino spopolano anche in Italia

Si chiama IVV Wine Show il podcast sul vino di Tommaso Cattivelli e Lorenzo Gualandri: 45 puntate in cui sentirete parlare di vino in...

Studio “In a Bottle”: anche gli italiani sbagliano a tavola

In occasione della Giornata Mondiale dell'Alimentazione, In a Bottle ha condotto uno studio su circa 1.400 italiani per verificare gli errori che si commettono in ambito alimentare.

Il segmento dei vini premium e quello dei fine wine vede crescere la percentuale di donne tra appassionate, esperte, acquirenti e consumatrici.  

Il mondo dei fine wines e dei vini premium sta affrontando un vero e proprio cambiamento. Se in passato il mondo “luxury” del vino era più apprezzato da uomini over 60, dall’alto reddito e protagonisti per competenza, spesa e consumi, ad oggi gli schemi si sono ribaltati vedendo in pole position una grande percentuale di donne. Il segmento di vendita dunque si tinge di rosa vedendo sempre più consumatrici attente al consumo consapevole ed appassionate al buon bere.

La tendenza si conferma anche nel mercato delle bottiglie di pregio. Secondo il rapporto “The Future of Fine Wine Consumers 2021”, realizzato da Areni Global e pubblicato da Forbescresce il numero di consumatrici, con percentuali diverse a seconda dei mercati. Le recenti ricerche quindi di Wine Intelligence e Areni Global per i mercati internazionali e quella di SACE, Mediobanca e IPSOS con il focus sul mercato italiano, forniscono dati e spunti interessanti sui potenziali trend futuri. 

Donne e bicchiere di vino

Le analisi di Wine Intelligence e Areni Global.

Gli ultimi dati arrivano da una rilevazione di Wine Intelligence con una indagine realizzata in cinque paesi: Stati Uniti, Gran Bretagna, Brasile, Corea del Sud e Cina. Paesi considerati mercati di sbocco strategici per le esportazioni dei principali produttori europei.

In quattro realtà su cinque le donne sono in testa per consumi di vini di fascia premium, quelli che superano i 15 euro. Le percentuali sfiorano il 59% in Cina, passando per il 54% in USA e il 52% in Corea del Sud, fino ad arrivare al testa a testa nel Regno Unito e ad un 42% in Brasile.

Lo studio dell’istituto di ricerca dedicato al mondo dei fine wine, basato su interviste approfondite con esperti del settore e consumatori, su un’indagine quantitativa realizzata da Wine Intelligence, e su una correlazione dei risultati con l’andamento degli indici del Liv-Ex Fine Wine (l’indice che traccia prezzi globali e vendite all’asta di vini pregiati), evidenzia come in Cina e ad Hong Kong nel mondo delle bottiglie di pregio, si sia arrivati già ad un testa a testa tra uomini e donne e non è un caso dal momento che l’influenza femminile nel mondo del vino è molto forte in Asia. 

E’ bene specificare che in Cina i grandi buyer, i protagonisti del mercato, sono donne. Inoltre i corsi di laurea in enologia sono frequentati quasi interamente da studentesse. 

Donne e vini premium

Donne e fine wines: attente a sostenibilità, rapporto qualità-prezzo e all’abbinamento cibo-vino.

Le consumatrici sono molto attente al rapporto qualità prezzo. Vedono crescere, insieme al loro reddito anche il potenziale di spesa per i vini di fascia intermedia e alta.

Sempre più appassionate ricercano informazioni sui prodotti, ne approfondiscono la storia e la tradizione, e sul “cosa comprare” hanno le idee molto chiare. Sono attente all’abbinamento con i cibi. Curiose, amano cambiare ed esplorare.

Attratte dai vini biologici e sostenibili, esattamente quelli su cui i mercati fanno registrare le crescite maggiori, le donne spendono. Bevono poco ma bene, cercano meno quantità e più qualità. Lo dimostrano anche i numeri registrati nell’ultimo anno dalle case d’asta. Sotheby’s, per esempio, ha visto crescere notevolmente la presenza delle donne in occasione degli eventi dedicati alla vendita di bottiglie di pregio, con incrementi che hanno sfiorato in alcuni casi il 22%.

Related Posts

Ultimi Articoli

Incisioni scatole e cofanetti vino personalizzate: le idee per la tua cantina

Fusi&Fusi è al tuo fianco per aiutarti a realizzare incisioni su scatole vino personalizzate preziose e originali per i tuoi vini

Il Prosecco DOC verso la sostenibilità di filiera

Protocolli per la gestione delle operazioni colturali, messa a dimora di nuove siepi e analisi pedoclimatica del territorio: sono alcuni dei progetti in ottica sostenibilità del Consorzio Prosecco DOC, che traccia la strada del futuro per il vino italiano.

7 fasi in cui usare un generatore d’azoto in cantina

Spesso, le aziende vitivinicole hanno bisogno di usare un generatore di azoto in cantina per prevenire l’ossidazione del vino. Ecco quali sono le fasi che ne richiedono la presenza.