Vinissimo: riparte la mostra dedicata ai vini naturali, biologici e biodinamici

Due giorni per conoscere e degustare i vini prodotti con i metodi e le pratiche di una volta e, soprattutto, con l’amore e la passione tipica di chi ha a cuore il territorio.

Sabato 3 luglio e domenica 4 luglio, a Biassono (MB) si terrà la nuova edizione di “Vinissimo”, la mostra mercato di vini biologici, biodinamici, naturali e piwi di produzione artigianale.  L’evento avrà luogo nei giardini di Villa Verri, sede del Municipio del Comune di Biassono e sarà organizzato dal Comune stesso, dalla cooperativa Controluce e da AHUM Pilgrim.  

Da sempre a favore di un’agricoltura etica e sostenibile, “Vinissimo” si pone l’obiettivo di valorizzare i piccoli produttori che guardano più alla qualità che al profitto e di riscoprire e promuovere tutto quello che sta dietro o, meglio ancora, dentro una bottiglia: le storie, il lavoro e la passione di chi ha fatto del vino una ragione di vita.

Vinissimo- Vini naturali, biologici, piwi e naturali

“Vinissimo” : la quarta edizione

Dopo lo stop forzato nel 2020 a causa della pandemia, l’edizione di quest’anno costituirà il primo piccolo passo verso una nuova normalità rispettosa della sensibilità di tutti e verrà organizzata in piena sicurezza, secondo le disposizioni sanitarie che saranno in vigore nel mese di luglio. Inoltre, grazie alla collaborazione con AHUM Pilgrim, comunità per appassionati di attività legate alla musica e alla vita all’aria aperta, l’edizione 2021 di “Vinissimo” prolungherà i suoi orari di apertura con l’evento #Vino#Chiacchiere#Musica: “un momento di condivisione nel segno delle “good vibrations” sonore accompagnate dalla selezione musicale di AHUM”. 

E’ possibile acquistare il biglietto d’ingresso a questo link. Esso comprende il calice da degustazione, la tracolla portacalice e la possibilità di partecipare alle degustazioni guidate. Tutti i vini presenti potranno essere degustati e acquistati direttamente dai produttori.

In secondo luogo Vinissimo è quindi soprattutto cultura. Si discosta infatti dalle manifestazioni del settore che hanno un’immagine glamour e sofisticata e cerca di promuovere quello che per noi è veramente importante: la vita e la passione delle persone che stanno dietro (o meglio dentro) ad una bottiglia di vino. Una manifestazione che si avvicina più alle fiere contadine di una volta rispetto ai saloni del vino superchic di oggi, dove l’incontro con le persone e la convivialità sono elementi fondamentali.

Related Posts

Ultimi Articoli