Non solo Langhe. Tortona e Volpedo: ecco tre motivi per farci un tour

I vini premiati a Sud Top Wine

Cerimonia conclusiva della terza edizione di Sud Top Wine che ripone il drappo con soddisfazione per il bel lavoro svolto nel panorama enoico del...

Tutti i Trend Food and Beverage del 2021

Drink senz'alcol, sostenibilità, soluzioni smart e costumization ecco tutti i trend del settore spirits e food del 2021.

Studio Tiendeo: Quali vini preferiscono gli italiani?

Secondo un studio condotto da Tiendeo.it, gli italiani preferiscono bere vino rosso e i consumatori predisposti a comprare online provengono dalla Lombardia.

Irriverenti, istruttivi e divertenti: i podcast sul vino spopolano anche in Italia

Si chiama IVV Wine Show il podcast sul vino di Tommaso Cattivelli e Lorenzo Gualandri: 45 puntate in cui sentirete parlare di vino in...

Studio “In a Bottle”: anche gli italiani sbagliano a tavola

In occasione della Giornata Mondiale dell'Alimentazione, In a Bottle ha condotto uno studio su circa 1.400 italiani per verificare gli errori che si commettono in ambito alimentare.

A pochi km da Milano, Tortona e Volpedo racchiudono angoli per mini tour d’elite.

Quando si parla di vino e Piemonte, la prima associazione è sempre con le suggestive Langhe.
Vero. Eppure in Piemonte si celano altri angoli da scoprire attraverso il fil rouge del vino. Ad esempio Tortona. A pochi km da Milano (circa 40 minuti di strada traffico permettendo), questa cittadina che per molti è solo una delle uscite lungo l’autostrada, cela un angolo di Piemonte ancora intatto, tra storia a genuinità. Ecco 3 motivi per visitarla.

1-L’arte: potete visitare la Pinacoteca dedicata al Divisionismo, che ospita le opere di Angelo Barabino, Emilio Longono, Plinio Nomellini, Giovanni Segantini e molti altri, ma soprattutto Giuseppe Pellizza da Volpedo, autore de Il Quarto Stato, dipinto proprio qui, a pochi km da Tortona, nella sua città natìa, Volpedo. E a Volpedo potrete ammirare la riproduzione dell’opera, erta nella piazza dov’è ambientato il quadro. Fate tappa allo studio dell’artista, indenne al tempo e suggestivo.

2-Ovviamente la complessità artistica solletica l’appetito. Nonostante le dimensioni contenute della cittadina di Tortona, a originalità ha poco da invidiare: da Anna Ghisolfi potrete degustare una cucina dai sapori e dai profumi legati alla tradizione, presentata però con estro e cura. Ma questo è la cosa che noterete solo in un secondo momento: il locale è all’interno di una chiesa sconsacrata e la sua cucina non poteva che incastonarsi laddove un tempo c’era l’altare. Un dettaglio ironico ma nemmeno tanto: quando avrete conosciuto la chef (in cucina solo donne guidate dalla creativa Anna) vi renderete conto che nulla è a caso.

3-Per completare il tour non può mancare un vino legato al territorio: in questo senso Cantine Volpi non vi deluderanno. Possiamo raccontarvi del suo Barbera che ‘non tocca legno’ e si offre nel bicchiere profumato, armonico ed equilibrato, delle sue bollicine a base di Cortese o del suo Timorasso, bianco autoctono fresco e ricco di sfaccettature. Ma verrebbe la pena di venire a Tortona anche solo per conoscere Carlo Volpi, patron dell’azienda, e sua moglie Laura. Se gli chiedete dei loro vini non elencheranno numeri e proprietà organolettiche, bensì racconteranno le cene post vendemmia presso Cascina La Zerba di Volpedo, che da 7 partecipanti oggi ne conta 100. E come si fa ad accogliere tutte queste persone? “Avete rinunciato a organizzare la cena?”.
“No” ci hanno risposto “Abbiamo trovato un luogo più grande per stare insieme”.

Ps per dormire, Casa Sironi of course: fatevi raccontare da Gianni, il vostro ospite, la storia dell’antica filanda, della professoressa di Latino Franca e di Ferdinando il viaggiatore.

Related Posts

Ultimi Articoli

Incisioni scatole e cofanetti vino personalizzate: le idee per la tua cantina

Fusi&Fusi è al tuo fianco per aiutarti a realizzare incisioni su scatole vino personalizzate preziose e originali per i tuoi vini

Il Prosecco DOC verso la sostenibilità di filiera

Protocolli per la gestione delle operazioni colturali, messa a dimora di nuove siepi e analisi pedoclimatica del territorio: sono alcuni dei progetti in ottica sostenibilità del Consorzio Prosecco DOC, che traccia la strada del futuro per il vino italiano.

7 fasi in cui usare un generatore d’azoto in cantina

Spesso, le aziende vitivinicole hanno bisogno di usare un generatore di azoto in cantina per prevenire l’ossidazione del vino. Ecco quali sono le fasi che ne richiedono la presenza.