Select Page

Martignani: viticoltura e tecnologia

Martignani: viticoltura e tecnologia

La nebulizzazione pneumatica elettrostatica a basso volume d’acqua come strumento per garantire efficacia e sostenibilità

È dalla metà del secolo scorso che si è sviluppato un chiaro e progressivo interesse per l’innovazione e la sostenibilità in ambito agricolo, con particolare riguardo alla frutti-viticoltura. Il termine sostenibilità evoca subito uno dei principali temi concernenti le produzioni agro-alimentari, cioè la difesa fitosanitaria, necessaria se si vuol portare a termine un raccolto 100% sano e remunerativo. Un ruolo di primo piano svolto in questo settore va riconosciuto a Claudio Martignani, fondatore e contitolare oggi con il figlio Stefano dell’omonima azienda: fu infatti nel 1958 che introdusse in Italia il metodo dei trattamenti a basso volume d’acqua grazie ai primi nebulizzatori pneumatici messi a punto fin dal 1948 da un “pool” di esperti fitoiatri Olandesi. Quegli apparecchi rappresentavano la prima grande innovazione nell’applicazione dei fitofarmaci, consentendo trattamenti efficientissimi con meno 90% d’acqua, meno 60-70% di tempo-manodopera, meno 30% di prodotto chimico e senza alcun gocciolamento a terra, sia con basso che con medio e normale volume d’acqua di soluzione. Tutto ciò grazie a una più uniforme e fine micronizzazione rispetto al sistema convenzionale con ugelli a pressione e alla presenza di 2 dosatori di precisione del liquido a scala graduata, con 1.5 bar costanti.

Nel 1972 Martignani, in accordo con gli Olandesi, dette inizio alla produzione in proprio di questi nebulizzatori con proprie idee migliorative e relativi brevetti. Tutti i suoi più importanti sviluppi innovativi, premiati nei vari concorsi per Novità Tecniche e testati in campo da Istituti di Ricerca con risultati ufficializzati, hanno poi rappresentato in seguito un punto di riferimento anche per gli altri costruttori. Tra queste novità merita una particolare menzione l’introduzione, primo in Europa nel 1981, della carica elettrostatica delle microgocce, che costituisce un altro grande passo avanti nella riduzione delle perdite per deriva nell’aria, mantenendo piena efficacia con un ulteriore maggior risparmio del 15-20% di principi attivi, eliminando i rischi di contaminazione per inalazione degli operatori dei trattamenti e favorendo l’assenza di residui indesiderati sulle produzioni.

CARATTERISTICHE DISTINTIVE
A questo punto è ben precisare quali sono le caratteristiche che differenziano la nebulizzazione pneumatica dall’irrorazione cosiddetta a convenzione d’aria degli atomizzatori tradizionali: in questi ultimi il liquido erogato ad alta pressione (10-20 e più Bar) da una pompa a membrane o a pistoni, viene polverizzato perché spinto attraverso i fori calibrati degli ugelli di vario tipo e diametro; il ventilatore di tipo assiale o elicoidale erogatore di un alto volume d’aria (30.000-40.000 mc/h) a bassa velocità (30-40 m/s) ha l’unica funzione di effettuare il trasporto delle goccioline prodotte come su indicato verso il bersaglio da trattare.
Nel sistema pneumatico invece il liquido erogato a bassa pressione (1.5-2 Bar) da una pompa centrifuga o rotativa in acciaio inox con tenute speciali Long Life viene finemente polverizzato dal flusso d’aria ad alta velocità (60-80 m/s) prodotto da un ventilatore centrifugo (15.000-20.000 mc/h) e che investe la vena liquida uscente attraverso speciali ugelli micronizzatori con foro a largo passaggio (4 mm) e di particolare profilo aerodinamico.

ALTRI VANTAGGI DEL SISTEMA PNEUMATICO
Una micronizzazione delle goccioline di una giusta e uniforme finezza con qualsiasi volume erogato (basso, medio, normale) contro una micronizzazione più disforme, legata ai diversi diametri delle piastrine e pressione d’esercizio.
Oltre alla possibilità di regolare all’istante qualsiasi volume a pressione costante, nessun problema di occlusione, né di usura di ugelli, i quali permettono di nebulizzare qualsiasi miscela liquida (soluzione o sospensione) concentrata o normale di qualunque sostanza chimica o naturale, biologica e microbiologica (v. Bacillus Thuringiensis), poltiglia bordolese, polveri di diatomee, caolino, calcio etc., quindi con particolare idoneità e validità anche per l’agricoltura biologica e biodinamica. Un lato interessante è che si tratta di un sistema perfetto non solo per trattamenti a basso-bassissimo-ultra basso volume, ma anche per erogare miscele normali non concentrate, come può convenire in piccole estensioni di qualsiasi coltura, in quanto il liquido viene perfettamente nebulizzato anche con volumi di liquido importanti. In tal caso 60 anni di esperienza hanno dimostrato una piena efficacia di trattamenti con riduzione del 50% di qualsiasi miscela normale utilizzata da un atomizzatore.

IMPORTANTI OSSERVAZIONI CHE SPIEGANO L’EFFICIENZA DEL SISTEMA PNEUMATICO ELETTROSTATICO DI MARTIGNANI
Le microgocce polarizzate (+-), essendo dello stesso segno, si respingono tra loro mentre vengono attratte dalla vegetazione, così arrivano a depositarsi in tutte le superfici anche più nascoste (come le pagine inferiori delle foglie etc.) in modo perfettamente uniforme senza alcun rischio di sovrapposizioni o accumuli irregolari di fitofarmaco.

Proprio qui sta uno dei segreti che consente unitamente alle dosi chimiche ridotte fino al 40-50% di ottenere produzioni sane ed esenti da residui indesiderati.
Il sistema di carica elettrostatica può essere definito:
A) Il precursore dell’ugello antideriva, introdotto e risultato idoneo per le barre da diserbo, ma con diverse criticità per i trattamenti su coltivazioni arboree, come facili cadute di gocce a terra, limitata efficacia di prodotti di contatto, possibili segnature sui frutti.
B) Primo e unico sistema di recupero del prodotto senza alcun riciclo di miscela antiparassitaria (tipico delle irroratrici a tunnel) con 90% di effetto non solo antideriva ma anche antiresidui chimici su frutta, uva, vino, ecc…

MARTIGNANI ING. C.
di Martignani Stefano & C. Srl
Via Fermi 73 – Z. I. Lugo 1
48020 Sant’Agata sul Santerno (RA) Tel. 0545 23077
fax 0545 30664
martignani@martignani.com
http://www.martignani.com

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai notizie e aggiornamenti sul mondo del vino e non solo


Cliccando su "Iscriviti" accetti di ricevere la nostra newsletter (Leggi informativa). Potrai disiscriverti in ogni momento cliccando sul link presente nella newsletter che ti invieremo

ABBONATI ORA

I Grandi Vini è un bimestrale dedicato alle notizie e novità dal settore vinicolo. Da  più di 10 anni  in prima fila tra le riviste italiane sul vino, I Grandi Vini non è solo una rivista di settore è un progetto editoriale che ha come obiettivo quello di raccontare l’eccellenza, enologica in primis ma anche gastronomica, con sguardo crititco e sempre attento all’attualità, al contesto economico e socio- politico.

Regalati o regala un anno di… Grandi Vini

 

SCOPRI COME

Video Recenti

Loading...

Cos’è WineNetwork?


Un’ampia e moderna rete di servizi  con un unico comune denominatore: il vino.

Da oggi puoi raggiungere il target giusto

Il nostro consulente WineNetwork ti aiuterà a comunicare!

 

SCOPRI COME

Agro Meteo

oggi 16 Sep 19

 

  

  • vento
  •  
  •  
N/A
5 giorni di previsioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
N/A
Settaggi

Unità di temperature

  • Fahrenheit
  • Celsius

Unità di misura vento

  • Miglia
  • Kilometri
  • Metri
X