More

    Lo Champagne punta sul biologico

    Vino senza solfiti, ma esiste davvero? Le risposte dell’enologo

    Se ne sente parlare sempre più spesso e ha catturato l'attenzione di un numero crescente di produttori, enologi ed esperti del settore. Stiamo parlando del vino senza solfiti.

    Industria 4.0 e vino, come beneficiare del Credito d’Imposta

    ERInformatica presenta il suo pacchetto “chiavi in mano” pensato appositamente per il mondo del vino, per virare verso un’industria 4.0 beneficiando del 50% in credito d’imposta.

    Vino Chianti, che successo: è boom di vendite da inizio 2021

    Il successo del Vino Chianti non si ferma, neanche in questo momento ancora - purtroppo - difficile causa pandemia

    Gin Tonic Day 2021

    Il 9 aprile è il Gin Tonic Day, ecco qualche consiglio per festeggiarlo al meglio!

    Gelate a Montalcino: si accendono i falò

    Come in Borgogna anche a Montalcino si accendono i falò per contrastare le gelate fuori stagione Il freddo è arrivato decisamente fuori stagione; dopo un...

    La nuova strada è biologica e biodinamica, una scelta vincente in un mercato in forte espansione.

    L’iconica bollicina francese ha fatto la sua scelta. Quello del biologico è un mercato in costante crescita e sono sempre più le superfici in conversione o convertite alla filiera ed allo stesso tempo aumentano la domanda di mercato.

    La nuova frontiera del Bio

    Nel 2019, secondo L’Association Des Champagnes Biologiques, la produzione biologica è stata portata avanti da 260 maison con 1148 ettari di vigne, di cui 618 ettari in conversione. I vigneti biologici rappresentano il 3,4% della superficie della denominazione, una cifra inferiore a quella di altre regioni vitivinicole francesi, ma che corrisponde a un aumento della superficie del 24% rispetto al 2018. Nella prima metà del 2020 l’Agence Bio ha già registrato l’inizio della conversione di 137 nuove cantine, vale a dire 685 ettari supplementari di vigne.

    Certificazioni

    Una decisione che sta convincendo anche le grandi Maison che con approcci cauti e graduali si stanno adeguando alle esigenze di mercato. La strada è ardua: sono necessarie certificazioni, il Comité interprofessionnel du vin de Champagne (CIVC) ha recentemente creato la VDC, la certificazione di viticoltura sostenibile in Champagne che vede certificate circa 335 aziende. Molte di queste sono contemporaneamente certificate HVE (High Environmental Value), l’HVE è una certificazione francese creata e supervisionata dal Ministero dell’Agricoltura Agroalimentare e Forestale per promuovere la produzione di aziende agricole che si impegnano volontariamente in pratiche rispettose dell’ambiente.

    Lo scopo è comunque quello di orientarsi verso una viticoltura sostenibile con azioni orientate a valorizzare e tutelare la biodiversità prendendosi cura di vigneti preziosi che si tramandano da generazione in generazione.

    Related Posts

    Ultimi Articoli

    Buona Pasqua da La Serena, un brindisi alla primavera con i vini della cantina

    Dal Brunello al Rosso di Montalcino, alla Cantina La Serena la Pasqua ha il profumo del buon vino. In attesa della bella stagione. La Pasqua coincide, quest'anno, con i primi...

    Laimburg, vini che invecchiano nella roccia

    La cantina scavata nella roccia porfirica è uno dei fiori all'occhiello di Laimburg, dove vengono conservati e affinati alcuni dei suoi vini. Qui si svolgono anche degustazioni ed eventi istituzionali

    Dl Sostegno: chi ne beneficierà e quali sono i parametri per fare domanda

    Dall'8 Aprile arrivano i fondi del Dl Sostegno Cambiano i parametri di assegnazione nel Dl Sostegno, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 Marzo: punto chiave...