More

    L’eredità del primo spumante al mondo nelle bollicine del La Canosa

    Vino senza solfiti, ma esiste davvero? Le risposte dell’enologo

    Se ne sente parlare sempre più spesso e ha catturato l'attenzione di un numero crescente di produttori, enologi ed esperti del settore. Stiamo parlando del vino senza solfiti.

    Industria 4.0 e vino, come beneficiare del Credito d’Imposta

    ERInformatica presenta il suo pacchetto “chiavi in mano” pensato appositamente per il mondo del vino, per virare verso un’industria 4.0 beneficiando del 50% in credito d’imposta.

    Vino Chianti, che successo: è boom di vendite da inizio 2021

    Il successo del Vino Chianti non si ferma, neanche in questo momento ancora - purtroppo - difficile causa pandemia

    Gin Tonic Day 2021

    Il 9 aprile è il Gin Tonic Day, ecco qualche consiglio per festeggiarlo al meglio!

    Gelate a Montalcino: si accendono i falò

    Come in Borgogna anche a Montalcino si accendono i falò per contrastare le gelate fuori stagione Il freddo è arrivato decisamente fuori stagione; dopo un...

    Il Passerina Brut e il Rosè Brut della cantina La Canosa espressione della tradizione spumantistica marchigiana

    Quando si parla di spumanti italiani si pensa subito ad altre zone vinicole e solo a pochi è noto che la prima zona spumantistica italiana d’eccellenza siano le Marche, soprattutto i dintorni di Cupramontana, dove negli anni ’70 esistevano ben 25 aziende dedicate. Ancora più sorprendente è addirittura il dato storico che vuole la nascita del primo spumante al mondo proprio in questa regione, per opera e merito di Francesco Scacchi di Fabriano, almeno trenta anni prima del monaco francese Dom Perignon nell’abbazia di Hautevillers, nel lontano 1650.
    lacanosa nero lacanosa rosèL’azienda La Canosa eredita in modo egregio la lontana tradizione, rinnovandola, e dando vita alla produzione di due bellissime bollicine, una a base di Passerina e l’altra di Sangiovese. La Passerina Brut, spumantizzata con metodo charmat, ha la sua caratteristica principale nel basso contenuto di solfiti che le conferisce freschezza e mineralità. E’ dotata di un colore paglierino intenso, con sentori floreali e fruttati intriganti di mela, thè e camomilla. Perfetta come aperitivo ma anche a tutto pasto con crostacei e frutti di mare o primi di pesce.
    Il Rosè Brut, invece, ottenuto da un salasso in fermentazione del Sangiovese, si presenta con un colore rosato intenso e profumi inusuali di frutti rossi. Al palato è fresco e pulito, con buona persistenza finemente acida, che lo rende sorprendente accostato ai salumi o ai primi di cacciagione e carne bianca.
    Queste “perle”, insieme ai rossi, i bianchi e i vini aromatizzati da fine pasto, chiudono una gamma completa della produzione della Cantina La Canosa, di Riccardo Reina, espressione dell’ eccellenza di una zona singola, quella del comune di Rotella, a sud della regione Marche, in provincia di Ascoli Piceno, che fa ottimi vini e che porta alto nel mondo il made in Italy.

    www.lacanosaagricola.it

    Related Posts

    Ultimi Articoli

    Buona Pasqua da La Serena, un brindisi alla primavera con i vini della cantina

    Dal Brunello al Rosso di Montalcino, alla Cantina La Serena la Pasqua ha il profumo del buon vino. In attesa della bella stagione. La Pasqua coincide, quest'anno, con i primi...

    Laimburg, vini che invecchiano nella roccia

    La cantina scavata nella roccia porfirica è uno dei fiori all'occhiello di Laimburg, dove vengono conservati e affinati alcuni dei suoi vini. Qui si svolgono anche degustazioni ed eventi istituzionali

    Dl Sostegno: chi ne beneficierà e quali sono i parametri per fare domanda

    Dall'8 Aprile arrivano i fondi del Dl Sostegno Cambiano i parametri di assegnazione nel Dl Sostegno, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 Marzo: punto chiave...