Tra i migliori vini autoctoni del 2019 c’è anche Brunello di Montalcino D.O.C.G. Riserva 2012 de La Fortuna. L’azienda ha vinto la Corona della guida Vinibuoni d’Italia, edita dal Touring Club Italiano e curata da Mario Busso e Alessandro Scorsone e sarà premiata durante il Merano Wine Festival.

“E’ un riconoscimento importante per la nostra azienda e per la nostra Riserva – ha commenta con soddisfazione Angelo Zannoni de La Fortuna – una selezione di Brunello derivata solo dai grappoli migliori di Sangiovese, accuratamente selezionati in vigna. Un vino di qualità con la corona della guida Vinibuoni d’Italia e anche con quella del pubblico!”.

A votare i 441 vini d’Italia vincitori dell’ambito premio sono stati i coordinatori regionali della guida riuniti in tre commissioni; coordinatori, per la maggior parte giornalisti e sommelier, che dedicano alla promozione del vino e del territorio di provenienza il loro impegno professionale e la loro passione.

Le scelte operate durante le degustazioni finali anche quest’anno rispecchiano nei risultati emersi non solo vini e territori blasonati, ma orientano l’attenzione del lettore e del consumatore su vini ed aree meno conosciute che invogliano alla scoperta di un livello d’eccellenza sempre più diffuso.

Una qualità, quella espressa dai vini da vitigni autoctoni, sempre più in crescita, spinta anche dalla volontà dei mercati, nazionale ed internazionale, di premiare vini che oltre alla loro bontà sono in grado di esprimere la cultura e l’identità territoriale.

THE CROWN AS GOODWINES OF ITALY FOR LA FORTUNA

Among the best autochthonous wines of 2019 there is also Brunello of Montalcino D.O.C.G. Reserve 2012 of La Fortuna. The company has won the Crown of the GoodWines of Italy guide, published by the Italian Touring Club and curated by Mario Busso and Alessandro Scorsone and will be awarded during the Merano Wine Festival.

“It is an important rpleasure for our company and for our Reserve – Angelo Zannoni from La Fortuna has commented with satisfaction – a selection of Brunello derived only from the best Sangiovese grapes, carefully selected in the vineyard. A quality wine with the crown of the GoodWine of Italy guide and also wthe approval of the customers”.

They were the regional coordinators of the guide combined in three commissions who have voted the 441 wines of Italy; coordinators, mostly journalists and sommeliers, who dedicate their professional commitment and passion to the promotion of the wine and the territory of origin.

The choices made during the final tastings of this year reflected not only wines or famous territory, but direct the attention of the reader and the consumer on wines and less known areas that encourage the discovery of a level of excellence increasingly widespread.

It is a quality, expressed by wines from native grapes, that is driven also by the will of national and international markets, to reward the wines that are able to express the culture and the identity of the territory.