More

    Roberto Ghio, presente e futuro del Gavi

    Array

    La crescita di Tannico non si ferma: pronto a conquistare il mercato vini francese

    Una crescita esponenziale, quella di Tannico negli ultimi mesi, che va di pari passo con il boom dell'e-commerce del vino '

    Mete enoturismo toscane: Palagetto e i colli senesi del Chianti

    Per chi ama scoprire i luoghi dove nascono i grandi vini italiani, Palagetto, all'ombra delle torri di San Gimignano, è una meta ideale Pochi territori...

    Con Devin il tappo vino del futuro è ecologico

    Devin di Tapì è un tappo vino ottenuto con polimeri di natura vegetale e vinaccia residua dalla produzione, elementi che gli conferiscono la sua...

    Il controllo della temperatura nella fermentazione del vino: le soluzioni di Elmiti

    Elmiti ha portato la sua esperienza nel settore dei riscaldatori elettrici a disposizione del mondo del vino. Perché la fermentazione è un momento importante, che necessita di cure scrupolose

    È Roberto Marcolini il nuovo Presidente del Consorzio Doc Friuli Aquileia

    Novità nel Consorzio Doc Friuli Aquileia, con Roberto Marcolini eletto nuovo presidente.

    I 20 anni della Docg, l’identità del territorio, la Carta di Gavi del Vino Responsabile

    Il 25 maggio il passaggio di testimone al Consorzio Tutela del Gavi tra Maurizio Montobbio e Roberto Ghio (patron dell’Azienda Agricola Ghio Roberto Vigneti Piemontemare) è stato ufficiale. Un passaggio generazionale e simbolico, che coincide con i 20 della Docg e la nascita della Carta di Gavi del Vino Responsabile.

    Cosa rappresenta per lei questo nuovo ruolo all’interno del Consorzio Tutela del Gavi?
    “Dal punto di vista personale è un onore. E ho avuto già modo di constatare che sarà altrettanto un onere. Negli anni Consorzio e Gavi sono cresciuti molto e siamo arrivati ad un punto che coincide simbolicamente con i 20 anni della Docg, una sorta di età adulta per un vino. Ora dobbiamo decidere chi siamo e la questione identità deve basarsi su qualcosa di concreto, reale e spendibile”.

    La sua nomina è coincisa anche con la nascita della Carta di Gavi del Vino Responsabile…
    “Si, qualcosa che vogliamo diventi organico ed effettivo. La Carta è un messaggio, una promessa. Il vino responsabile riguarda le aziende e deve essere applicato dalle aziende. La Carta di Gavi non vuole essere niente di privato, bensì un apripista, lasciando che altri possano trarne ispirazione per poi confrontarci”.

    Potremmo definire la Carta di Gavi l’effetto di un decisione già presa?
    “Più intrapresa che presa. I valori della Carta sono stati condivisi, ora dobbiamo trasformarli da parole a fatti. Abbiamo numerose aziende biologiche, biodinamiche o che comunque applicano un regolamento etico. E altrettante sono impegnate nel miglioramento a livello sociale lungo tutta la filiera”.

    Related Posts

    Ultimi Articoli

    LabelDoo, stampa le tue etichette vino online personalizzate

    Su labeldoo.com puoi configurare le tue etichette vino, scegliendo tra un’ampia gamma di materiali. Richiedi il campionario gratuito!

    Quando anche l’occhio vuole la sua parte!

    Lo Scatolificio Ondulkart grazie all’ utilizzo di macchinari all’avanguardia e di personale qualificato si è specializzata nella realizzazione di stampe anche complesse e di alta definizione.

    Etichette vino personalizzate e sostenibili: la sfida di Tipografia Madonna della Querce

    L’azienda, specializzata nel settore della stampa etichette vino, è certificata FSC e utilizza carta che ne attesta la provenienza da una filiera responsabile