More

    Il vino biodinamico e la terracotta

    La crescita di Tannico non si ferma: pronto a conquistare il mercato vini francese

    Una crescita esponenziale, quella di Tannico negli ultimi mesi, che va di pari passo con il boom dell'e-commerce del vino '

    Mete enoturismo toscane: Palagetto e i colli senesi del Chianti

    Per chi ama scoprire i luoghi dove nascono i grandi vini italiani, Palagetto, all'ombra delle torri di San Gimignano, è una meta ideale Pochi territori...

    Con Devin il tappo vino del futuro è ecologico

    Devin di Tapì è un tappo vino ottenuto con polimeri di natura vegetale e vinaccia residua dalla produzione, elementi che gli conferiscono la sua...

    Il controllo della temperatura nella fermentazione del vino: le soluzioni di Elmiti

    Elmiti ha portato la sua esperienza nel settore dei riscaldatori elettrici a disposizione del mondo del vino. Perché la fermentazione è un momento importante, che necessita di cure scrupolose

    È Roberto Marcolini il nuovo Presidente del Consorzio Doc Friuli Aquileia

    Novità nel Consorzio Doc Friuli Aquileia, con Roberto Marcolini eletto nuovo presidente.

    Il I congresso internazionale dedicato alle esperienze di vinificazione in anfora, nella fornace di Artenova all’Impruneta, (Toscana), il 22 e 23 novembre

    Foto di Artenova
    Foto di Artenova

    Il binomio tra vino e terracotta ha origini antiche, che risalgono alla Magna Grecia, ma la viticoltura contemporanea ha, da diversi anni, ricominciato a sperimentare questo materiale per la vinificazione. Le anfore della Georgia sono le più diffuse ma il distretto del cotto imprunetino, in Toscana, ha trovato il modo di rispondere a un’esigenza evidentemente in crescita, grazie alla fornace di Artenova, azienda a conduzione familiare di Leonardo Parisi, la prima in Italia che ha iniziato a sperimentare la produzione di giare per la vinificazione. I vantaggi nell’usare questo materiale naturale per la vinificazione, sono il controllo delle temperature, soprattutto se le anfore vengono interrate, una migliore ossigenazione e soprattutto una minore caratterizzazione olfattiva rispetto al legno. Inoltre, una scelta di vinificazione che spesso viene fatta in concomitanza all’uso delle anfore, sono le lunghe macerazioni, che permettono un uso inferiore di solforosa. Questi motivi fanno sì che molte delle aziende che si avvicinano a questo tipo di sperimentazione siano biologiche o biodinamiche, in virtù proprio di una ricerca di maggiore naturalità e di maggiore potenzialità espressiva del vitigno.
    Grande attenzione alla viticoltura naturale verrà, quindi, data nel corso delle due giornate con una degustazione guidata da Adriano Zago, agronomo ed enologo esperto di biodinamica, sabato 22 alle ore 15. Verranno confrontati gli stili di 4 aziende biodinamiche, ognuna delle quali presenterà 2 vini della stessa annata e della stessa varietà, di cui uno è stato vinificato e conservato in anfora fino all’imbottigliamento.

    Per info:

    http://giare.terracotta-artenova.com/la-terracotta-e-il-vino-il-programma/

    Related Posts

    Ultimi Articoli

    LabelDoo, stampa le tue etichette vino online personalizzate

    Su labeldoo.com puoi configurare le tue etichette vino, scegliendo tra un’ampia gamma di materiali. Richiedi il campionario gratuito!

    Quando anche l’occhio vuole la sua parte!

    Lo Scatolificio Ondulkart grazie all’ utilizzo di macchinari all’avanguardia e di personale qualificato si è specializzata nella realizzazione di stampe anche complesse e di alta definizione.

    Etichette vino personalizzate e sostenibili: la sfida di Tipografia Madonna della Querce

    L’azienda, specializzata nel settore della stampa etichette vino, è certificata FSC e utilizza carta che ne attesta la provenienza da una filiera responsabile