More

    Il Pekò de La Canosa: bianco pluripremiato 2015

    Vino senza solfiti, ma esiste davvero? Le risposte dell’enologo

    Se ne sente parlare sempre più spesso e ha catturato l'attenzione di un numero crescente di produttori, enologi ed esperti del settore. Stiamo parlando del vino senza solfiti.

    Industria 4.0 e vino, come beneficiare del Credito d’Imposta

    ERInformatica presenta il suo pacchetto “chiavi in mano” pensato appositamente per il mondo del vino, per virare verso un’industria 4.0 beneficiando del 50% in credito d’imposta.

    Vino Chianti, che successo: è boom di vendite da inizio 2021

    Il successo del Vino Chianti non si ferma, neanche in questo momento ancora - purtroppo - difficile causa pandemia

    Gin Tonic Day 2021

    Il 9 aprile è il Gin Tonic Day, ecco qualche consiglio per festeggiarlo al meglio!

    Gelate a Montalcino: si accendono i falò

    Come in Borgogna anche a Montalcino si accendono i falò per contrastare le gelate fuori stagione Il freddo è arrivato decisamente fuori stagione; dopo un...

    L’espressione della grande potenzialità di uno dei vitigni autoctoni italiani più antichi.

    peko 2Il bianco DOCG dell’azienda agricola La Canosa è medaglia d’oro al concorso internazionale SMV 2015. Questa è un’ulteriore conferma del gradimento e del piacere che suscita un bicchiere di Pekò 2014, annata già insignita della menzione al Decanter World Wine Awards 2015. Il successo sicuramente risiede nella grande potenzialità di uno dei vitigni autoctoni italiani più antichi, già citato negli scritti di Catone il Censore, recuperato con grande caparbia dagli agricoltori marchigiani negli anni ’90: il Pecorino. Per sua natura, il vitigno produce un vino con buon tasso alcolico e un buon tasso di acidità. L’unicità del Pekò sta nel fatto che la vigna dell’azienda è tra le più alte della zona, circa 540 metri s.l.m., e ciò favorisce un’inversione termica giorno-notte notevole che dona alle uve un quid in più, conferendo mineralità e freschezza ad un corpo già ben strutturato. La vendemmia precoce è poi sapientemente gestita in cantina, dove la tecnica del freddo prosegue, fino ai passaggi obbligati dei 3-4 mesi in botte, 3-4 mesi in acciaio per l’affinamento, fino al completamento in bottiglia. Sulle tavole arriva un vino giovane ma nello stesso tempo strutturato con un bouquet ricco, al naso, di gelsomino e fiori bianchi sullo sfondo di frutti esotici. All’assaggio è ampio e fresco e rilascia tutta la sua mineralità che mitiga la potenza alcolica per poi chiudere con una nota lievemente ammandorlata persistente. L’abbinamento perfetto è sui piatti di pesce o con fritture croccanti, l’ideale per queste sere d’estate rigorosamente servito ad 8°C.

    www.lacanosaagricola.it

    Related Posts

    Ultimi Articoli

    Buona Pasqua da La Serena, un brindisi alla primavera con i vini della cantina

    Dal Brunello al Rosso di Montalcino, alla Cantina La Serena la Pasqua ha il profumo del buon vino. In attesa della bella stagione. La Pasqua coincide, quest'anno, con i primi...

    Laimburg, vini che invecchiano nella roccia

    La cantina scavata nella roccia porfirica è uno dei fiori all'occhiello di Laimburg, dove vengono conservati e affinati alcuni dei suoi vini. Qui si svolgono anche degustazioni ed eventi istituzionali

    Dl Sostegno: chi ne beneficierà e quali sono i parametri per fare domanda

    Dall'8 Aprile arrivano i fondi del Dl Sostegno Cambiano i parametri di assegnazione nel Dl Sostegno, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 Marzo: punto chiave...