More

    IL CASTELLO DI BROLIO PALCOSCENICO TOSCANO DELLA GIORNATA DELLA CULTURA DEL VINO E DELL’OLIO 2019

    Vino senza solfiti, ma esiste davvero? Le risposte dell’enologo

    Se ne sente parlare sempre più spesso e ha catturato l'attenzione di un numero crescente di produttori, enologi ed esperti del settore. Stiamo parlando del vino senza solfiti.

    Industria 4.0 e vino, come beneficiare del Credito d’Imposta

    ERInformatica presenta il suo pacchetto “chiavi in mano” pensato appositamente per il mondo del vino, per virare verso un’industria 4.0 beneficiando del 50% in credito d’imposta.

    Vino Chianti, che successo: è boom di vendite da inizio 2021

    Il successo del Vino Chianti non si ferma, neanche in questo momento ancora - purtroppo - difficile causa pandemia

    Gin Tonic Day 2021

    Il 9 aprile è il Gin Tonic Day, ecco qualche consiglio per festeggiarlo al meglio!

    Gelate a Montalcino: si accendono i falò

    Come in Borgogna anche a Montalcino si accendono i falò per contrastare le gelate fuori stagione Il freddo è arrivato decisamente fuori stagione; dopo un...

    Enoturismo e contraffazione sono questi i temi trattati durante la nona edizione della Giornata della Cultura del Vino e dell’Olio organizzata dall’AIS.

    Sabato 11 Maggio si è tenuta in Toscana la Giornata della Cultura del Vino e dell’Olio. L’evento organizzato dall’AIS, con il patrocinio del Mipaaft, del Miur e del Mibac, è stato celebrato in una location dall’alto valore storico, artistico, culturale e vinicolo: Il Castello di Brolio. Simbolo della storia del Chianti, di cui Bettino Ricasoli ne inventò la formula nel 1872, il Castello si erge sulle colline di Gaiole in Chianti e da qui se ne può ammirare il vasto panorama circostante.

    Immerso tra i verdi filari del Sangiovese, Il Castello è stato palcoscenico d’incontro nonché occasione di scambio sui temi dell’enoturismo e del nuovo ruolo dei Sommelier “La figura del Sommelier è sempre più affine a quella di un vero e proprio ambasciatore dell’eccellenza enologica” afferma Cristiano Cini- Presidente di AIS Toscana. Coinvolgere il turista, invogliarlo a visitare i territori per comprendere il senso di ogni bottiglia sono gli obiettivi che ispirano il lavoro dei sommelier.

    Presente anche Gennaro Giliberti della Direzione Agricoltura e Sviluppo Rurale della Regione Toscana che ha espresso soddisfazione per i risultati raggiunti grazie alla recente normativa che regola il turismo esperienziale. Tra i temi trattati anche quello del mito del vino toscano fra cultura materiale e digitale, affrontato dal Direttore della Fondazione Sistema Toscana Paolo Chiappini. Il Direttore si è esposto sul concetto della comunicazione nel web e sulle potenzialità e i rischi che questa può produrre come l’omologazione e l’appiattimento. A quest’ultime c’è tuttavia un antidoto- spiega Chiappini: “Il nostro valore, il nostro distinguersi in una dimensione universale”.

    Relatrice del convegno anche la Presidente delle Donne del Vino Donatella Cinelli Colombini, creatrice prima e sviluppatrice poi del Movimento Turismo del Vino. La Presidente ha posto l’attenzione sul concetto di diversificazione “Ciò che si chiede al sommelier è di raccontare non il processo produttivo di un vino ma la storia che lo rende diverso da tutti gli altri: quel luogo, quella cantina, racconta qualcosa di unico”- racconta Cinelli Colombini.

    A moderare il dibattito il giornalista David Taddei, anch’esso impegnato nei temi enoturistici. Ma all’evento non poteva mancare il padrone di casa il Barone Francesco Ricasoli Presidente della Ricasoli 1141 che è intervenuto raccontando della Case History del Castello di Brolio. Il Barone ha parlato di Brolio delineandone un’immagine di professionalità e qualità. Insomma tradizione e radici senza mai dimenticare l’innovazione poiché “Ciò che ci proietta nel futuro sono gli elementi di identità, autorevolezza e credibilità che ci contraddistinguono”- Francesco Ricasoli.

    A chiudere Fabrizio Lupi dell’ICQRF sezione Toscana e Umbria che ha parlato del fenomeno della contraffazione. La soluzione, secondo Lupi è “Avvicinarsi ai prodotti andando direttamente nei territori di origine perché è il modo più efficace per creare cultura nel consumatore”. L’incontro è stato suggellato da una degustazione di Sangiovese delle 3 Cru del Progetto Raritas di Brolio, condotta dal Barone Ricasoli e dal Direttore tecnico Massimiliano Biagi. A chiudere la giornata anche la visita al Castello guidata dal Barone che ha permesso di cogliere i tratti storici e il contesto di sviluppo di uno dei vini più conosciuti del nostro Paese.

    Related Posts

    Ultimi Articoli

    Buona Pasqua da La Serena, un brindisi alla primavera con i vini della cantina

    Dal Brunello al Rosso di Montalcino, alla Cantina La Serena la Pasqua ha il profumo del buon vino. In attesa della bella stagione. La Pasqua coincide, quest'anno, con i primi...

    Laimburg, vini che invecchiano nella roccia

    La cantina scavata nella roccia porfirica è uno dei fiori all'occhiello di Laimburg, dove vengono conservati e affinati alcuni dei suoi vini. Qui si svolgono anche degustazioni ed eventi istituzionali

    Dl Sostegno: chi ne beneficierà e quali sono i parametri per fare domanda

    Dall'8 Aprile arrivano i fondi del Dl Sostegno Cambiano i parametri di assegnazione nel Dl Sostegno, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 Marzo: punto chiave...