More

    I vini di La Canosa: tra la conquista dei mercati esteri e le conferme made in Italy

    Vino senza solfiti, ma esiste davvero? Le risposte dell’enologo

    Se ne sente parlare sempre più spesso e ha catturato l'attenzione di un numero crescente di produttori, enologi ed esperti del settore. Stiamo parlando del vino senza solfiti.

    Industria 4.0 e vino, come beneficiare del Credito d’Imposta

    ERInformatica presenta il suo pacchetto “chiavi in mano” pensato appositamente per il mondo del vino, per virare verso un’industria 4.0 beneficiando del 50% in credito d’imposta.

    Vino Chianti, che successo: è boom di vendite da inizio 2021

    Il successo del Vino Chianti non si ferma, neanche in questo momento ancora - purtroppo - difficile causa pandemia

    Gin Tonic Day 2021

    Il 9 aprile è il Gin Tonic Day, ecco qualche consiglio per festeggiarlo al meglio!

    Gelate a Montalcino: si accendono i falò

    Come in Borgogna anche a Montalcino si accendono i falò per contrastare le gelate fuori stagione Il freddo è arrivato decisamente fuori stagione; dopo un...

    L’azienda marchigiana del Piceno La Canosa, portavoce dei valori autentici del “far buon vino” made in Italy, riscuote successo in casa e fuori.

    bottiglie - CopiaI vini della casa, come il Nummaria, il Nullius e il Musè, hanno avuto infatti approvazioni dagli importatori d’oltreoceano in occasione del World wine meetings 2015 di Chicago, dove si sono riuniti espositori di alto livello da tutto il mondo al Embassy Suites of downtown Chicago. Spopolano invece i bianchi sulla piazza del Fritto Misto 2015 ad Ascoli Piceno. Il Pekò, pecorino in purezza, e il Servator, passerina in purezza, conquistano il beneplacido degli Chef stellati, dato che l’abbinamento con le fritture ne esalta sapore, profumo e colore. Non ultime le conferme del mercato britannico, avute durante la partecipazione alla kermesse londinese del 18 maggio, il London Wine Fair, infatti sempre più ristoranti inglesi richiedono la presenza dei vini firmati La Canosa nelle loro wine list, sia bianchi che rossi. Ma qual è il segreto di Riccardo Reina & Co.? Poche e semplici regole. In primis investire sulla qualità di ogni singolo passaggio della produzione, dalla cura dell’uva alla bottiglia; trattare ogni singolo vitigno con pazienza e passione, e di conseguenza seguire con la stessa dedizione tutte le linee produttive, senza lasciare indietro o in secondo piano nessuno dei “figli”; infine mantenere il giusto prezzo di mercato, senza lucrare o svilire il prodotto. Sembrerebbe tutto facile…ma non riesce sempre a tutti!

    Related Posts

    Ultimi Articoli

    Buona Pasqua da La Serena, un brindisi alla primavera con i vini della cantina

    Dal Brunello al Rosso di Montalcino, alla Cantina La Serena la Pasqua ha il profumo del buon vino. In attesa della bella stagione. La Pasqua coincide, quest'anno, con i primi...

    Laimburg, vini che invecchiano nella roccia

    La cantina scavata nella roccia porfirica è uno dei fiori all'occhiello di Laimburg, dove vengono conservati e affinati alcuni dei suoi vini. Qui si svolgono anche degustazioni ed eventi istituzionali

    Dl Sostegno: chi ne beneficierà e quali sono i parametri per fare domanda

    Dall'8 Aprile arrivano i fondi del Dl Sostegno Cambiano i parametri di assegnazione nel Dl Sostegno, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 Marzo: punto chiave...