More

    Gelate a Montalcino: si accendono i falò

    La crescita di Tannico non si ferma: pronto a conquistare il mercato vini francese

    Una crescita esponenziale, quella di Tannico negli ultimi mesi, che va di pari passo con il boom dell'e-commerce del vino '

    Mete enoturismo toscane: Palagetto e i colli senesi del Chianti

    Per chi ama scoprire i luoghi dove nascono i grandi vini italiani, Palagetto, all'ombra delle torri di San Gimignano, è una meta ideale Pochi territori...

    Con Devin il tappo vino del futuro è ecologico

    Devin di Tapì è un tappo vino ottenuto con polimeri di natura vegetale e vinaccia residua dalla produzione, elementi che gli conferiscono la sua...

    Il controllo della temperatura nella fermentazione del vino: le soluzioni di Elmiti

    Elmiti ha portato la sua esperienza nel settore dei riscaldatori elettrici a disposizione del mondo del vino. Perché la fermentazione è un momento importante, che necessita di cure scrupolose

    È Roberto Marcolini il nuovo Presidente del Consorzio Doc Friuli Aquileia

    Novità nel Consorzio Doc Friuli Aquileia, con Roberto Marcolini eletto nuovo presidente.

    Come in Borgogna anche a Montalcino si accendono i falò per contrastare le gelate fuori stagione

    Gelate sui vigneti
    Tante le zone colpite dalle gelate sui vigneti

    Le gelate a Montalcino sono arrivate decisamente fuori stagione; dopo un febbraio mite, le temperature sotto lo zero fanno tremare i viticoltori e arriva la paura delle gelate a Montalcino.

    In alcune zone le temperature che si sono registrate hanno raggiunto i -7° e nella maggior parte delle zone ci sono state oscillazioni tra i -3° e i -4°. Particolarmente colpiti i vigneti della zona di Castelnuovo dell’Abate.

    Già da martedì scorso, quando l’allarme freddo è scattato molte aziende hanno fatto ricorso a trattamenti anti-gelo tra i più innovativi sul mercato.

    Le aziende di Montalcino in merito alle gelate

    “I nostri vigneti a Castelnuovo sembrano non aver subito grossi danni. Merito probabilmente del trattamento effettuato martedì scorso, ma anche della particolare esposizione del vigneto- dicono dall’azienda La Verbena in merito alle gelate che si sono abbattute su Montalcino questa notte- poche le gemme colpite. I danni finali li conteremo nei prossimi giorni, ma siamo fiduciosi“.

    Altri sono ricorsi ai falò in vigna.

    Gelate a mOntalcino
    Dalla pagina facebook di Poggio Antico: i falò per contrastare le gelate a Montalcino

    “Dopo due anni così particolari- afferma Federico Trost, general manager di Poggio Antico- in cui dopo un marzo mite è arrivata la gelata di aprile abbiamo deciso di correre ai ripari. Lo scorso anno, a causa della forte tramontana, era stato fatto divieto di accendere i fuochi. Quest’anno siamo invece corsi ai ripari: speriamo in un effetto positivo”.

    “Questa è la prima volta che ricorriamo ai falò in vigna- afferma Pier Giuseppe d’Alessandro, direttore tecnico di Poggio Antico– Abbiamo avuto la fortuna di conoscere un produttore di fieno e alle prime avvisaglie di gelata ci siamo riforniti di paglia posizionando le presse attorno ai vigneti che erano più a rischio gelata. Nel resto della notte abbiamo eseguito un continuo monitoraggio dei centralini meteo. Nella scorsa notte alle 3 abbiamo acceso in un paio di vigneti. Da una prima analisi di questa mattina sembra che non ci siano stati grossi problemi“.

    Anche all’azienda Cortonesi, già dalla scorsa notte, si è corsi ai ripari per contrastare i danni delle gelate a Montalcino. Commenta così Tommaso Cortonesi, proprietario dell’omonima azienda e consigliere del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino: “Il risultato lo vedremo tra qualche giorno nei germogli, siamo fiduciosi. Abbiamo fatto questa scelta perché la paglia non genera fuoco ma un fumo che rimane basso come altezza e permette così di riscaldare l’aria. Inoltre la paglia brucia lentamente e abbiamo deciso di bagnarla sopra in modo da produrre più fumo con un fuoco più lento. Non siamo in uno stato vegetativo avanzatole gemme devono prevalentemente schiudersi”.

    Related Posts

    Ultimi Articoli

    LabelDoo, stampa le tue etichette vino online personalizzate

    Su labeldoo.com puoi configurare le tue etichette vino, scegliendo tra un’ampia gamma di materiali. Richiedi il campionario gratuito!

    Quando anche l’occhio vuole la sua parte!

    Lo Scatolificio Ondulkart grazie all’ utilizzo di macchinari all’avanguardia e di personale qualificato si è specializzata nella realizzazione di stampe anche complesse e di alta definizione.

    Etichette vino personalizzate e sostenibili: la sfida di Tipografia Madonna della Querce

    L’azienda, specializzata nel settore della stampa etichette vino, è certificata FSC e utilizza carta che ne attesta la provenienza da una filiera responsabile