Divise tra l’Italia e la Francia le sei località ideali per i cultori del turismo enogastronomico

Amanti degli itinerari a tema enogastronomico, siete costantemente alla ricerca della qualità più sopraffina e di gusti nuovi? Il magazine americano Forbes ha stilato una classifica che fa decisamente al caso vostro: sei mete imperdibili per gli appassionati del turismo all’insegna del food&wine scelte usando come parametro il connubio di tre elementi fondamentali: paesi caratteristici, paesaggi (con vigneti) mozzafiato e ottime annate di vini. A spartirsi le posizioni, tre località italiane e tre francesi.

Una classifica in cui è la Toscana la vera regina delle mete enoturistiche, l’unica dell’intera lista ad apparire due volte, con due località simbolo dell’eccellenza vitivinicola italiana in tutto il mondo: Montepulciano, col suo Nobile, e Montalcino, col famoso Brunello. Per Forbes, sia Montepulciano che Montalcino costituiscono un trionfo di bellezza tra borghi medievali, cantine e wine bar da una parte e vicoli del centro storico ed una meravigliosa natura circostante dall’altra.

Sempre nel Belpaese, la rivista statunitense incorona la città umbra di Montefalco: patria del Sagrantino, è un gioiello del Medioevo,  che vanta un mix perfetto tra architettura da visitare e wine bar per la degustazione è invidiabile. Per quel che concerne i territori d’Oltralpe, svettano le tre Regioni simbolo dell’enologia francese: Bordeaux, la Loira e la Provenza, rappresentate rispettivamente da Saint-Émilion, Sancerre e Cassis.