Conviene investire nei vini pregiati?

Conviene investire nei vini pregiati?

Decenni fa, l’acquisto di oro o diamanti (o, in alternativa, il mattone e le obbligazioni) davano ottime garanzie al risparmiatore in termini di sicurezza e di rivalutazione del capitale investito. Da alcuni anni, invece, la cronaca internazionale è piena di capitali investiti svaniti nel nulla o quasi.

In questa complessa e rischiosa situazione economico-finanziaria, l’acquisizione di lotti di vini o distillati di alto pregio e immagine rappresenta una vera eccezione. Molte sono le opportunità e i vantaggi che oggi offre questo tipo d’investimento, vantaggi che vanno ben oltre la famosa frase di un noto avvocato torinese, allora proprietario del celebre Chateaux Margaux a Bordeaux: «È sempre conveniente investire in vino; se va male, potete sempre berlo».

L’ha confermato la recente asta di vini di pregio svoltasi alla nota casa d’aste Bolaffi di Torino che, come hanno riportato le agenzie di stampa, ha chiuso con un realizzo record di 1,3 milioni di euro. Sono state aggiudicate a 50mila euro, diritti inclusi, cinque bottiglie di Musigny Grand cru 2002, Domaine Leroy.
L’amministratore delegato della casa Filippo Bolaffi ha dichiarato: «Asta dopo asta il risultato è sempre migliore, grazie alla fiducia di clienti che, da tutta Italia, ci considerano il loro punto di riferimento per vendere le proprie collezioni».

Al di là di questi numeri da capogiro sono utili alcune considerazioni. Innanzitutto cresce fortemente l’interesse del pubblico verso questo particolare settore. La sala d’aste torinese era affollata e, sin dall’inizio, i rilanci erano rapidi e continui, anche tramite telefono o via Internet. In particolare, i lotti di maggior pregio erano combattuti: una bottiglia di Barolo 1936 di Aldo Conterno è volata in un attimo da 250 a 600 euro.

Tornando in Francia, una bottiglia di Romanée-Conti Grand cru 1937 Côte de nuits è stata battuta a 14.150 euro, mentre una selezione del Domaine d’Auvenay 2002 Côte de nuits composta da sei bottiglie di Bonne-mares Grand cru e sei di Mazis-Chambertin Grand cru è stata aggiudicata per 28.300 euro.

Non scherzano neppure i produttori italiani, come sempre con Piemonte e Toscana in prima linea. Citiamo sette magnum di Barolo Monfortino riserva 2008 di Giacomo Conterno venduti a 10mila euro e sei bottiglie di Masseto Bolgheri 2004-2009 battute a 5.250 euro.

About The Author

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai notizie e aggiornamenti sul mondo del vino e non solo


Cliccando su "Iscriviti" accetti di ricevere la nostra newsletter (Leggi informativa). Potrai disiscriverti in ogni momento cliccando sul link presente nella newsletter che ti invieremo

ABBONATI ORA

I Grandi Vini è un bimestrale dedicato alle notizie e novità dal settore vinicolo. Da  più di 10 anni  in prima fila tra le riviste italiane sul vino, I Grandi Vini non è solo una rivista di settore è un progetto editoriale che ha come obiettivo quello di raccontare l’eccellenza, enologica in primis ma anche gastronomica, con sguardo crititco e sempre attento all’attualità, al contesto economico e socio- politico.

Regalati o regala un anno di… Grandi Vini

 

SCOPRI COME

Video Recenti

Loading...

Cos’è WineNetwork?


Un’ampia e moderna rete di servizi  con un unico comune denominatore: il vino.

Da oggi puoi raggiungere il target giusto

Il nostro consulente WineNetwork ti aiuterà a comunicare!

 

SCOPRI COME

Agro Meteo

oggi 18 Oct 19

 

  

  • vento
  •  
  •  
N/A
5 giorni di previsioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
N/A
Settaggi

Unità di temperature

  • Fahrenheit
  • Celsius

Unità di misura vento

  • Miglia
  • Kilometri
  • Metri
X