Chianti Classico 2018: anteprima, candidatura Unesco e Distretto Rurale

Chianti Classico 2018: anteprima, candidatura Unesco e Distretto Rurale

Il punto della direttrice del Consorzio, Carlotta Gori, in diretta dal Chianti Classico Collection 2018.

La Chianti Classico Collection 2018 si è chiusa con un record di presenze aziendali (186), 659 etichette in degustazione e circa 9.000 bottiglie stappate in una location che ormai è casa per gli associati, la Stazione Leopolda. Qui abbiamo incontrato la direttrice del Consorzio del Gallo Nero, Carlotta Gori, che ci ha aggiornati su candidatura Unesco e neo Distretto Rurale del Chianti.

Direttrice, a che punto è la candidatura Unesco per la zona del Chianti Classico?
Stiamo lavorando in modo intenso per costituire il Comitato Promotore per la candidatura. Il nostro è un territorio di eccellenza e speriamo ci venga riconosciuto anche dall’Unesco. In questo momento siamo concentrati sull’inserimento nella Tentative List del Ministero dei Beni e Attività Culturali e del Turismo, cosa che contiamo di portare a compimento nel giro di pochi mesi.
Che valore ha tale candidatura per il Consorzio del Gallo Nero?
La candidatura ha senso solo se nasce dal basso. Il nostro desiderio è che i cittadini siano coinvolti affinchè sentano che il progetto li riguarda. Per quanto ci concerne stiamo portando avanti l’iter in sinergia con le amministrazioni locali, sappiamo che questa è l’unica strada per centrare l’obiettivo.
A fronte di un processo in itinere ce n’è uno già confermato, ovvero quello del Distretto Rurale del Chianti…
Si, è stato riconosciuto dalla Regione a gennaio, e siamo contenti di comunicare che grazie a un Provvedimento Ministeriale, i Distretti Rurali già ufficialmente in essere sono stati qualificati anche come Distretti del Cibo. In qualche modo il Legislatore ha confermato che il binomio valore dei prodotti agroalimentari e valore dei paesaggi di un territorio devono viaggiare insieme: la forza di un prodotto viene dalla forza del territorio da cui nasce.

About The Author

Barbara Amoroso

Nata da una famiglia di appassionati piccoli produttori di Chianti, il profumo del vino mescolato a quello dei vecchi muri delle cantine, risveglia i suoi ricordi d'infanzia. Dopo la carriera sportiva e la laurea in Media e Giornalismo, approda alla carta stampata attraverso la rassegna stampa, per diventare poi giornalista. Versatile e curiosa per lei il vino è il sale della vita.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai notizie e aggiornamenti sul mondo del vino e non solo


Cliccando su "Iscriviti" accetti di ricevere la nostra newsletter (Leggi informativa). Potrai disiscriverti in ogni momento cliccando sul link presente nella newsletter che ti invieremo

ABBONATI ORA

I Grandi Vini è un bimestrale dedicato alle notizie e novità dal settore vinicolo. Da  più di 10 anni  in prima fila tra le riviste italiane sul vino, I Grandi Vini non è solo una rivista di settore è un progetto editoriale che ha come obiettivo quello di raccontare l’eccellenza, enologica in primis ma anche gastronomica, con sguardo crititco e sempre attento all’attualità, al contesto economico e socio- politico.

Regalati o regala un anno di… Grandi Vini

 

SCOPRI COME

Video Recenti

Loading...

Cos’è WineNetwork?


Un’ampia e moderna rete di servizi  con un unico comune denominatore: il vino.

Da oggi puoi raggiungere il target giusto

Il nostro consulente WineNetwork ti aiuterà a comunicare!

 

SCOPRI COME

Agro Meteo

oggi 18 Dec 18

 

  

  • vento
  •  
  •  
N/A
5 giorni di previsioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
N/A
Settaggi

Unità di temperature

  • Fahrenheit
  • Celsius

Unità di misura vento

  • Miglia
  • Kilometri
  • Metri
X